Dal 16 maggio c'è "LATITUDINI, LIBRI CHE RACCONTANO LUOGHI"

IL CICLO DI SEI INCONTRI LETTERARI

| di redazione
| Categoria: Cultura
STAMPA

Si apre giovedì 16 maggio alle 21 a Novate Milanese, nel nuovo spazio di incontro e cultura Divittorio22, il ciclo di sei incontri letterari “LATITUTIDINI. Libri che raccontano luoghi” a cura di Morellini Editore e CSBNO | Culture Socialità Biblioteche Network Operativo. Teatro degli incontri biblioteche e spazi culturali di Novate Milanese, Pero e Baranzate.

Da Milano a Roma, il fil rouge di questa rassegna letteraria sono i luoghi d’ambientazione dei romanzi raccontati attraverso le diverse penne e i protagonisti delle vicende. La Milano noir e contemporanea, la Roma segreta e nascosta dai mille volti, gli affascinanti paesaggi lacustri del Nord Italia teatro di misteriosi delitti e, infine, le città che hanno visto e vissuto il nostro Sessantotto. 


Calendario completo della rassegna (ingresso libero):

16 maggio 2019, ore 21 - Novate Milanese - Spazio di incontro e cultura Divittorio22
Milano noir
con Gianni Marchetti - autore di “Citizen Band”
e Silvia Andreoli - autrice di “Nera come una fiaba”
In “Citizen Band” è la Stazione Centrale di piazza Duca d’Aosta che dà il via alla narrazione: qui viene infatti ritrovato un cadavere, sulle cui vicende indagherà l’ispettore Cascione, napoletano trapiantato al Nord. Nel caso di “Nera come una fiaba”, Milano è la città in cui vivono le protagoniste, Viola e Momo, due ragazzine tanto diverse per storia e percorsi, quanto simili nel modo in cui, ancora adolescenti, devono combattere con fantasmi del passato più grandi di loro. 

21 maggio, ore 21 - Baranzate – Biblioteca il Quadrato
Milano contemporanea: tre esempi di esordio
Luca Vaglio, “Il vuoto”
Corinna Urbano, “Vera”
Stefano Corbetta, “Le coccinelle non hanno paura”
Milano e l’hinterland milanese prendono vita nei testi di questi autori.
Luca Vaglio, che ambienta il suo romanzo interamente nella città, fa vivere al suo protagonista, Mattia Ventura, una Milano invernale e notturna, in cui entra in contatto con diverse figure che gli faranno capire quanto possa essere drammatico il quotidiano. Quella di “Vera”, invece, è una Milano diversa, che resta più sullo sfondo e a cui si contrappongono altri posti: innanzi tutto Casa Viola dove la protagonista, profondamente combattuta tra le sue due anime, riesce a concedersi dei momenti di pausa dalla realtà; poi Siena, Arezzo e Roma, tappe di un tour musicale che farà scoprire a Vera che nulla le può impedire di essere intera. Anche per il romanzo di Corbetta, Milano è meno preponderante rispetto ad altre città, come Lodi, Melegnano e San Donato, posti in cui Teo affronta quanto gli resta da vivere grazie agli affetti e a un rinnovato modo di guardare il mondo attraverso la fotografia.

24 maggio, ore 21 - Pero, Biblioteca PuntoCerchiate
Roma, una città dai mille volti
Marco Montemarano, “Incerti posti”, “Roma d’autore” e “Monaco d’autore”
Viaggio all’interno della scrittura di un autore italiano, nato a Milano e cresciuto a Roma, che da più di 20 anni ha eletto Monaco come propria casa. All’interno di “Incerti posti”, però, rivive sia l’atmosfera della capitale italiana che le possibilità di nuova vita del mondo tedesco. Il legame con queste due terre, tanto vicine quanto diverse, si manifesta poi anche nei due racconti da lui firmati per i due volumi della collana ‘Città d’autore’.

5 giugno, ore 21 - Baranzate – Biblioteca il Quadrato
Volevamo l’impossibile (e un po’ ci siamo riusciti)
Erica Arosio e Giorgio Maimone, “A rincorrere il vento (’68: il B-side)”
Luca Pollini, “Ordine, compagni! Storie, cronache e leggende dei Servizi d’Ordine”
Un mese in Francia, tre in Germania, dieci anni in Italia: abbiamo avuto il ‘68 più lungo
del mondo. Obiettivo: l’estensione del campo del possibile. Ed è successo di tutto.
Attraversando questo tutto con l’obiettivo di trovarne il lato migliore, i due libri e la messa in scena rivisitano la cronaca politica con i ricordi degli appartenenti ai Servizi d’ordine, cuore militante della piazza e poi la facciata B di quell’epoca formidabile, l’aspetto più privato, con i ricordi di due quattordicenni di allora, orgogliosi per le conquiste: dalla rivoluzione nell’amore, al nuovo modo di vivere – facendoli propri – la musica, il cinema, il teatro e la letteratura, dalla voglia mai appagata di viaggiare in modo diverso fino al desiderio realizzato di fare entrare il mondo intero nella vita quotidiana di ciascuno.

13 giugno, ore 21 - Novate Milanese - Spazio di incontro e cultura Divittorio22
Giallo a Roma
Gianluca Pomo, “Amor Roma”
La vera protagonista del giallo “Amor Roma” è lei: Roma, la città parlante. Ma non la capitale altisonante e barocca che tutti abbiamo negli occhi, al contrario la Roma segreta e nascosta. Dei vicoli, delle piazze sconosciute, delle vie che non compaiono nelle guide turistiche ma che traboccano di storia e leggende. È proprio in una di queste stradine laterali che prende avvio la storia quando il nostro protagonista Ludovico, ingegnere milanese trasferito a Roma da poco più di un anno, si imbatte nel corpo assassinato di padre Gesualdo.

20 giugno, ore 21 - Novate Milanese - Spazio di incontro e cultura Divittorio22
Gialli sul lago
Erica Gibogini, “Rose bianche sull’acqua”
Emilia Covini, “La signora delle camelie”, in “Delitti di lago vol. 3”
I laghi sono ambientazioni affascinanti, anche per i misteri più torbidi. Due autrici che hanno scelto il lago d’Orta per ambientare le proprie vicende ci racconteranno perché hanno scelto proprio quel posto e quali rapporti abbiano con le località descritte, facendo emergere così anche le differenze e le peculiarità della propria scrittura.

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK