Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Guida alla scelta della sirena d'allarme: gli errori da evitare

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

In vista dell'acquisto di un impianto allarme, uno degli elementi a cui è necessario prestare una doverosa attenzione è rappresentato dalla sirena. Si tratta del dispositivo che produce un suono prolungato e forte nel momento in cui rileva la presenza di un estraneo in casa, non solo per spaventare i ladri e indurli a scappare, ma anche per mettere in allerta i vicini nella speranza che qualcuno di loro contatti le forze dell'ordine. Va detto, per altro, che già la presenza in sé di una sirena costituisce un importante deterrente per far sì che alcuni malintenzionati si tengano alla larga dall'edificio che hanno in mente di assaltare.

Come scegliere la sirena di allarme

Come è facile immaginare, le sirene di allarme non sono tutte uguali tra loro, e nella scelta della soluzione che si ritiene più opportuna per la propria abitazione è indispensabile tenere conto di alcune caratteristiche ben precise: per esempio la presenza di luci e la disponibilità della funzione di autoalimentazione, ma anche la resistenza della cassetta esterna. La possibilità di modificare la durata del suono e di personalizzare la sua intensità è una ulteriore peculiarità da non sottovalutare, insieme con la presenza di sistemi antisabotaggio. Infine, un ultimo fattore che può orientare una scelta è quello relativo al design, destinato a condizionare l'estetica dell'abitazione.

Quanto è sicura una sirena?

Capire il livello di sicurezza di una sirena è molto importante per verificare il livello di protezione che può essere garantito al luogo in cui si vive: è chiaro, infatti, che in presenza di un impianto che può essere messo ko nel giro di pochi minuti i delinquenti avranno gioco facile nel riuscire a entrare in casa. Quando ci si approccia all'acquisto di un antifurto con sirena, pertanto, occorre badare alla sua classe di protezione - più è alta e meglio è - ricercando la presenza di sistemi antischiuma, di sistemi antistrappo e di sistemi antisabotaggio.

Cos'è la classe di protezione

Quando si parla della classe di protezione si fa riferimento al livello di resistenza ai fenomeni atmosferici come la pioggia, il vento, l'acqua e il sole; più è elevato questo livello e più la sirena è resistente. Quasi tutti i dispositivi sono muniti di una scatola esterna in policarbonato il cui spessore può raggiungere i 4 millimetri (in altri casi la scatola è realizzata in acciaio inox): al suo interno, poi, c'è un'altra scatola, in acciaio o in ferro. Si ha a che fare, pertanto, con un doppio involucro che assicura la migliore protezione possibile della scheda elettronica, la quale rappresenta il fulcro del sistema di allarme. Se anche si dovessero verificare degli urti violenti o i ladri provassero a forare gli involucri con un trapano, non ci sarebbero problemi.

Quali caratteristiche ricercare in una sirena di allarme

Varrebbe la pena di fare affidamento su un dispositivo munito di un sistema antisabotaggio: grazie ad esso, la sirena non può essere manomessa o comunque resa inattiva staccandola dalla parete o attraverso l'apertura del coperchio. Un ulteriore elemento degno di attenzione è il sistema antischiuma: i topi di appartamento, infatti, si servono di sostanze schiumogene per coprire le sirene, in modo da rendere inefficaci gli allarmi e attutire il rumore.

I modelli autoalimentati

modelli autoalimentati sono sempre da preferire, in termini di affidabilità e di capacità di funzionare nelle situazioni più diverse. Essi sono progettati e realizzati per riuscire a funzionare non solo quando sono collegati all'impianto elettrico, ma anche quando sono scollegati, grazie alla batteria di cui sono dotati. Nel caso in cui i cavi di alimentazione dovessero essere tagliati dai ladri, dunque, l'antifurto sarebbe comunque attivo. Le batterie a litio sono quelle che durano di più nel tempo. Infine, sarebbe meglio puntare su una sirena con un sistema integrato di segnalazioni luminose, a maggior ragione se si vive in condominio: la luce serve a far capire quale appartamento è "sotto attacco". 

Il catalogo di Beta Elettronica mette a disposizione una grande varietà di soluzioni che consente di individuare sistemi di allarme e sirene per tutte le esigenze.

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK