Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

CONCLUSA LA PRIMA EDIZIONE DEL “BELLUNO FILM FESTIVAL” diretto da Annarita Campo

Tra i premiati l'attrice Francesca Rettondini, la senatrice Monica Cirinnà e la Fanfara Alpina Cadore

| di alessandra berlin
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Il “Belluno Film Festival” ha chiusi i battenti della prima edizione dopo un calendario di tre giorni ricco di presentazioni di libri di scrittori internazionali, di documentari e di film.

Con un bilancio molto positivo e con un colpo di scena finale si è conclusa questa prima edizione.

Il colpo di scena, così come confermato dalla stessa dott.ssa Annarita Campo, regista e direttrice artistica del BFF, è stato l’eliminazione delle due opere di lungometraggio finaliste.

Infatti il film “Chiara” di Gianni Reveane, vincitore della sezione “Lungometraggi”, è stato “squalificato” per aver omesso alcuni autori delle musiche della colonna sonora, attribuite dal Reveane ad un autore sconosciuto suo amico. “La Madre Distratta” di Ferdinando De Laurentis, invece, ha inserito il logo della Mostra del Cinema di Venezia senza avervi mai partecipato, dichiarando inoltre nella scheda di iscrizione la partecipazione alla stessa. Notizia ovviamente non veritiera scoperta dal team della regista Campo, la quale, invece di chiudere gli occhi e continuare nella premiazione così come avrebbe fatto chiunque, ha estromesso i due film finalisti rimanendo in questa prima edizione senza alcun premiato nella sezione più importante del film festival.

Il programma che porta la firma di Annarita Campo è stato ricco di eventi di tutto rispetto che hanno puntando molto alla qualità culturale oltre che cinematografica.

La serata conclusiva del festival si è svolta presso la sala meeting “Cappello & Cadore” nella centralissima Piazza dei Martiri di Belluno.

L’inno di Italia ha aperto la serata conclusiva della prima edizione del festival, intonato dalle magnifici voci del “Coro di Codissago”.

I premiati con un curriculum di tutto rispetto di questa edizione sono stati: gli scrittori Sara Dardikh, Gabriele Poli, Giuseppe Sammarco, Antonio G. Bortoluzzi e Francesco Colecchia; gli attori Paolo Garbini e Daniele Ferrari; l’attrice Rita Lovato e l’aspirante attrice Chiara Raddavero.

Ma questa edizione ha contenuto anche un prestigioso premio denominato “Dolomiti Awards”. Il riconoscimento più importante è stato assegnato alla bellissima e bravissima attrice Francesca Rettondini come “Miglior Corto” per il film “Per i nemici Nora”. Quest’ultima si è anche presentata come “ospite” d’eccezione alla proiezione del film “Io,Alpino” di Annarita Campo ed alla Masterclass tenuta dalla stessa regista.

La carrellata degli ospiti, premiati con i “Dolomiti Awards”,  ha proseguito con la sen. Monica Cirinnà, "Premio per i Diritti Civili" che ha elogiato il lavoro svolto dal Film Festival e sottolineato l’importanza di questo evento per la città di Belluno; con la Fanfara Alpina Cadore che ha ritirato il “Premio per la musica”; il Campione Olimpico, Oscar De Pellegrin, che ha ritirato il premio per lo sport ed infine con il “Coro di Codissago” che ha ritirato il premio “Miglior Coro Italiano” concludendo l’esibizione con “La canzone del Piave” e “Va’ pensiero”.

Il lavoro svolto dalla regista Campo è stato senza dubbio impeccabile ed inimitabile, e come qualcuno ha scritto sulla bacheca facebook della stessa, è stata senza dubbio un grande esempio di correttezza e professionalità.

alessandra berlin

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK