Arrestati i componenti della "banda delle monetine"

I distributori automatici di biglietti...

| di Paolo Michielin
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Vengono considerati dei veri e propri caveau in grado di contenere ingenti somme di denaro in piccolo taglio o ovviamente in migliaia di monetine.

Alla chiusura delle stazioni della metro o delle ferrovie, quando i treni si fermano, i ladri della banda entrano in azione cercando di "svaligiare" le macchinette automatiche erogatrici di biglietti.

Un tentativo di furto era già avvenuto pochi giorni fa alla stazione di Cologno Nord , ma nella notte tra sabato e domenica tre uomini sono stati arrestati per il tentativo di furto alla stazione di Sesto Rondò , penultima fermata della M1.

Per fortuna l'allarme è scattato alle 2 di notte e gli agenti di Polizia del Commissariato di Sesto sono stati chiamati a intervenire.

Una porta che conduce ai mezzanini aperta e con la serratura forzata, questa la scena, che hanno rilevato al loro arrivo.

Allertati hanno seguito la procedura dei possibili casi di furto e sono entrati con le armi alla mano.

All'interno del salone dei tornelli hanno trovato 3 uomini seduti a terra sorvegliati a vista dagli uomini del servizio di vigilanza dell’Atm.

Una intera famiglia specializzata nella criminalità locale.

Si tratta di B. V., 45 anni, di suo figlio A. V., di 18 anni e di un loro collaboratore, l’egiziano A. S., 29 anni.

All'interno dei loro zainetti sono stati rinvenuti attrezzi utili per lo scasso quali dei cacciaviti, un piede di porco e dei martelli.

E' lecito supporre che abbiano forzato la porta d'ingresso per sottrarre il denaro presente nelle macchinette.

Sono stati fermati con l’accusa di tentato furto aggravato e detenzione di strumenti atti allo scasso.

Ancora una volta il pronto intervento della vigilanza Atm e l'ausilio della Polizia di Sesto ha reso vano l'operato dei malfattori.

 

 

Paolo Michielin

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK