SUBLIMINAL TATTOO

Rubrica ARTI E MESTIERI

| di Paolo Michielin
STAMPA

Intervista a MARI FINA, titolare di SUBLIMINAL TATTOO che ha sede in via Cortelonga 2/D a Monza.

Questa rubrica vuole dare l'opportunità a chi ha investito la propria vita per il benessere del cittadino, offrendo non solo un servizio, ma portando allegria e colore nelle nostre strade di cemento, di farsi conoscere raccontandosi...


1.Quando ha iniziato? E cosa sognava all’inizio della sua attività?
Ho iniziato nel 2002, con mia mamma ho aperto il Subliminal Tattoo e sognavo quello che ho adesso, una big family con tanti tatuatori che fanno stili diversi.

2.Perché ha iniziato proprio questa attività? Quali motivazioni l’hanno spinta?
In realtà non c'è una motivazione, scegli di fare quello che ti piace, è come una vocazione, una vocina interiore mi ha detto che quella sarebbe stata la mia strada, l'ho ascoltata e ho fatto bene.

3.Cosa offre ai suoi clienti?
Offriamo qualità e cortesia. Chi entra al Subliminal tattoo si deve sentire coccolato, seguito e aiutato nella propria scelta del tatuaggio.

4.Nella sua professione  per avere successo quali caratteristiche personali bisogna avere?
Bisogna avere talento e creatività, ma la cosa più importsnte è sapersi rapportare con il prossimo e capire le esigenze di chi si ha di fronte per cercare di esaudire al meglio i suoi desideri.

5.Quali sono le difficoltà che ha incontrato e oggi incontra? Come le ha superate?
Le prime difficoltà sono state quelle di trovare un vero maestro che mi insegnasse l'arte del tatuaggio, che poi ho trovato e ha lavorato nel mio studio per parecchi anni.

6.Ha mai avuto l’idea di mollare tutto?
Certo, a fasi altalenanti, i primi anni, non mi sentivo mai all'altezza, non volevo chiudere l'attività ma volevo smettere di tatuare e fare solo i piercing e il permanent make up.

7.Se potesse fare una richiesta… a chi e cosa?
Vorrei chiedere allo Stato di aiutare tutte le attività come la mia e non soffocare con le tasse e la burocrazia in genere. Noi siamo artigiani della pelle e vorremmo essere un valore artistico per il nostro paese.

8.Cosa consiglia ai giovani che vogliono intraprendere la sua strada?
Di non essere sufficienti, di studiare e disegnare molto e puntare ad essere l'eccellenza e non mediocri. Non è con la sola macchinetta in mano che si è tatuatori!

9.Un messaggio speciale per i suoi clienti…
Vorrei ringraziare tutti per aver avuto fiducia in me e nel mio progetto. Se il Subliminal tattoo Family è diventato così grande è anche grazie a loro che hanno continuato a seguirmi in tutto quello che ho fatto.

Paolo Michielin

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK