Ambulatorio Veterinario delle Mura

Rubrica ARTI E MESTIERI

| di antonio giovanditti
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Intervista a Valentina Maiocchi, Direttore Sanitario dell’Ambulatorio Veterinario delle Mura che ha sede in via Lecco 160 a Monza.

Questa rubrica vuole dare l'opportunità a chi ha investito la propria vita per il benessere del cittadino, offrendo non solo un servizio, ma portando allegria e colore nelle nostre strade di cemento, di farsi conoscere raccontandosi...


1.Quando ha iniziato? E cosa sognava all’inizio della sua attività?
Insieme alle Dottoresse Ceppi Simona e Corradini Bartoli Gemma Abbiamo aperto la nostra struttura nell’ottobre 2016 dopo un lungo periodo di ristrutturazione dei locali perché volevamo che l’ambulatorio fosse accogliente e funzionale allo stesso tempo e che potesse rappresentare un punto di riferimento per la cura dei nostri amici animali per tutto il quartiere.
Il nostro progetto prese forma un giorno per caso in seguito ad un incontro tra me e la Dottoressa Corradini Bartoli in un garden.
Era dall’università che non ci vedevamo piu’ ed ognuna di noi aveva avuto esperienze lavorative e di vita differenti ma quel giorno eravamo li’ entrambe con 3 figli l’una e la voglia di ricominciare.
Il nostro progetto prende forma tra un caffè, un biberon e una corsa a prendere i bimbi all’asilo.
Un anno intenso, stessa caffetteria, stesso tavolo, e la voglia di creare qualcosa di unico, di nostro, di vero: il NOSTRO AMBULATORIO VETERINARIO.
Dobbiamo essere in tre per conciliare lavoro e vita familiare, ed ecco la terza e insostituibile socia; Simona Ceppi che completa la nostra squadra per competenze e attitudini caratteriali. 
 
2.Perché ha iniziato proprio questa attività? Quali motivazioni l’hanno spinta?
Ho sempre avuto due grandi passioni, la medicina e l’amore per gli animali. La veterinaria è stata per me la scelta inevitabile.

3.Cosa offre ai suoi clienti?
Ai nostri pazienti e ai loro proprietari offriamo un servizio a 360°: da una visita accurata fino all’intervento chirurgico specialistico, una struttura ampia e confortevole, dotata di strumentazioni all’avanguardia ed un approccio professionale ed umano.

4.Nella sua professione  per avere successo quali caratteristiche personali bisogna avere?
Professionalità ed un costante aggiornamento scientifico uniti ad Empatia nel rapporto con i proprietari,  affinità e sensibilità con i pazienti sono indispensabili per svolgere al meglio la nostra professione.

5.Quali sono le difficoltà che ha incontrato e oggi incontra? Come le ha superate?
Le difficoltà comuni a tutte le professioni che vengono affrontate e superate con l’entusiasmo e la passione per il proprio lavoro.

6.Ha mai avuto l’idea di mollare tutto?
No, da sempre, fin da quando eravamo bambine abbiamo avuto il desiderio di curare gli animali. 

7.Se potesse fare una richiesta… a chi e cosa?
Sarebbe bello avere una minor pressione fiscale anche per poter agevolare i proprietari nella cura dei propri amici a quattro zampe.
Al giorno d’oggi c’è una maggior attenzione al benessere animale ma si tende a sottovalutare i costi effettivi per poterlo sostenere.
Il nostro lavoro ha inoltre una valenza sanitaria per la comunità che spesso non viene considerata, sarebbe auspicabile una maggior considerazione a livello sociale ed istituzionale.

8.Cosa consiglia ai giovani che vogliono intraprendere la sua strada?
Il lavoro del veterinario richiede molta passione e non deve avere come unico obbiettivo il guadagno.

9.Un messaggio speciale per i suoi clienti…
Li ringraziamo per averci scelto tra tanti e ci auguriamo di poter soddisfare sempre le loro aspettative.
…del resto…poi….siamo le più simpatiche!
 

antonio giovanditti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK