POLLO ALLA CONGOLESE - REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Rubrica SIAMO TUTTI STRANIERI

| di Gloria Janet Perilla
STAMPA

POLLO ALLA CONGOLESE - REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Affacciate sullo stesso grande fiume il Congo, e le due capitali sono segnate dall’impronta degli ex padroni belgi e francesi. Stesse popolazioni, stesse lingue, abitudini molto simili. Arte di arrangiarsi, caos e amore per una musica che ha stregato l’Africa. KINSHASA, la capitale della Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire) è una città di sei milioni di abitanti sulla rive gauche del fiume Congo. Una volta si chiamava Léopoldville in omaggio al re del Belgio, Leopoldo II, che incoraggiò e finanziò la campagna d’esplorazione del giornalista ed esploratore inglese Henry M. Stanley (1841-1904) detto Bula matadi (Spaccapietre) per la rudezza dei suoi modi e il suo carattere arrogante e testardo. È lui che per primo risalì il fiume Congo dalla fonte fino al punto in cui questa enorme massa d’acqua si congiunge con le onde impetuose dell’Oceano Atlantico. Nel tempo le due Guerre del Congo hanno impoverito soprattutto il settore primario, riducendo il suolo coltivato a solo il 2% del totale. Una porzione rilevante del cibo deriva dalla caccia e dalla raccolta comprendendo frutta selvatica, funghi, miele, cacciagione e pesce.  I piatti tradizionali del paese sono gli stufati di carne e verdure, accompagnati da una purea di farine diverse. Le farine più usate sono quelle di manioca e di mais che vengono appallottolate e arrostite. La carne è in realtà ad oggi poco consumata a causa del suo prezzo elevato, viene preferita quella di capra per la sua maggiore economicità. Abbastanza consumato è il pesce, che viene pescato nei laghi del bacino del fiume Congo. Tra la frutta, il banano è molto diffuso e usato in diversi piatti tipici, per esempio nei mercati è facile trovare involtini di pesce pepato e cotto avvolto in foglie di banano. Uno dei piatti più famosi della cucina congolese è il Pollo alla Congolese, un piatto che unisce la carne bianca alla dolcezza delle banane e del cocco.

Oggi vi segnalo il piatto più diffuso in Congo

Pollo alla Congolese

Ingredienti:
• 1 pollo sufficientemente grande già diviso in parti
• 400 g di spinaci surgelati e scongelati oppure freschi e cotti
• 2 cipolle bionde sminuzzate
• 1 cucchiaio di burro di noccioline
• 1 cucchiaio rado di concentrato di pomodoro
• 1 peperoncino fresco sminuzzato (oppure peperoncino in polvere)
• 1 l di brodo di pollo
• Sale q.b.
• Noce di cocco grattugiata
• Banane
• Olio di semi di arachidi o di palma

Preparazione:
• Far sudare la cipolla in un tegame con l’olio di semi di arachidi o di palma;
• Aggiungere il pollo e farlo rosolare bene.
• Una volta rosolato, aggiungere gli spinaci, il burro di noccioline e il concentrato di pomodoro.
• Aggiungere il peperoncino e il sale, coprire con il brodo e portare a cottura a fuoco medio.
• Una volta che il pollo e gli spinaci sono ben cotti, servire caldo e accompagnato da riso bianco.
• Nel piatto accompagnare il pollo con delle fettine di banane e una spolverata di noce di cocco grattugiato. Se si vuole seguire la ricetta originale il piatto deve essere decisamente piccante.

Gloria Janet Perilla

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK