NICOLAS MADURO RIELETTO PRESIDENTE DEL VENEZUELA; PERCENTUALE DI ASTENSIONE DA RECORD

SIAMO TUTTI STRANIERI

| di Gloria Janet Perilla
STAMPA

Nicolás Maduro è stato rieletto questa domenica fino al 2025 a capo del governo del Venezuela con un'astensione da record alle elezioni presidenziali tenutesi in quel paese.
 
"Abbiamo vinto ancora, abbiamo trionfato di nuovo, siamo la forza della storia trasformata in una vittoria popolare permanente", ha aggiunto il leader socialista evidenziando il margine con cui ha imposto a Falcón il 67,7% contro il 21,2%.

Secondo i dati ufficiali, rilasciati dal Consiglio elettorale nazionale, la partecipazione ha raggiunto il 46%, anche se le fonti dell'agenzia citate dalla Reuters affermano che alla chiusura dei seggi, alle sei del pomeriggio, si attestava al 32,3% . 

Nelle ultime elezioni presidenziali, tenutesi nel 2013, quasi l'80% del censimento è andato alle urne.

In questa occasione, d'altra parte, non è stato nemmeno possibile parlare di elezioni in parità di condizioni, poiché i principali partiti della Tavola dell'Unità Democratico (MUD), ora raggruppato nel Frente Amplio, ha respinto l'incarico per mancanza, hanno assicurato, di garanzie democratiche. 

L'unico vero avversario di Maduro, che secondo l'autorità elettorale ha vinto con quasi sei milioni di voti, è stato Henri Falcón, che ha ottenuto 1,8 milioni di voti e ha ignorato pubblicamente i risultati denunciando irregolarità.

Maduro aveva lanciato un avvertimento ai venezuelani. "Voti o pallottole", ha sottolineato la mattina dopo aver frequentato il suo collegio elettorale nella parte occidentale di Caracas. 

Dopo aver disseminato i risultati, lasciò il palazzo di Miraflores e migliaia di seguaci apparvero davanti a lui. 

Nei prossimi giorni saranno anche note le reazioni delle principali comunità internazionali, molto critiche, con l'Unione Europea, gli Stati Uniti e le potenze dell'America Latina in testa.

 
L'amministrazione Donald Trump ha ribadito che non intende riconoscere i risultati
e il Sottosegretario di Stato americano John Sullivan ha insistito su questo "dobbiamo assicurarci di rimanere nel nostro obiettivo, che sono le accuse corrotte del regime, e non il popolo del Venezuela", ha affermato.

Il governo Argentino non ha ancora determinato in dettaglio quali sono le misure da adottare, secondo una dichiarazione rilasciata dal gruppo Grupo de Lima composto anche da Brasile, Perù, Paraguay, Colombia, Costa Rica e Guatemala, tra gli altri,  hanno concordato di ridurre il livello delle relazioni diplomatiche con Caracas, riservandosi "di consultare" i propri ambasciatori, nelle prossime settimane ci saranno incontri multilaterali in diversi paesi della regione per prendere misure che hanno un impatto sul regime di Maduro ad esempio, ci sarà un incontro a Panama nel quale parteciperanno l'Unità di informazione finanziaria ed entità regionali analoghe.

Il Messico ha già  sollecitato gli attori del sistema finanziario ad astenersi dallo svolgere operazioni in Venezuela.

Il futuro del Venezuela rimane ancora  incerto.
 

Gloria Janet Perilla

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK