VENEZUELA IERI E OGGI

siamo tutti stranieri

| di Gloria Janet Perilla
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Il mese scorso mi trovavo in Colombia e girando per la città di Bogotà fa male trovare ai semafori persone a vendere qualcosa in cambio di qualche moneta, alle porte delle università, sui ponti pedonali e sul Trans Milenio vendendo arepas o dolci oppure formare gruppi di canto senza mai perdere l'occasione di spiegare ai passanti le ragioni del loro esodo dal Venezuela.

Mi riferisco, ovviamente, ai migranti venezuelani che, sopraffatti dalla penuria in cui il regime Maduro li ha sommersi, non hanno altra alternativa che rifugiarsi in Colombia, Peru ed altri paesi vicini. Secondo i calcoli della Federazione venezuelana, oggi questi migranti sono più di un milione, la maggior parte dei quali in attesa di un permesso di soggiorno legale. Mi sento più tranquilla quando scopro che alcuni di loro hanno trovato lavoro da un parrucchiere o in un negozio di abbigliamento.

Il Venezuela era un paese dove si poteva viaggiare liberamente per strada in qualsiasi momento, dove si poteva dormire con la porta aperta, in cui potersi esprimere o dimostrare pacificamente con tranquillità le proprie idee, in cui si poteva passare al lato delle forze di sicurezza con totale normalità, in cui era possibile recuperare un oggetto perso per strada, in cui si poteva parlare con un fratello venezuelano di diverso pensiero politico, in cui era possibile acquistare una casa, dove un lavoratore faceva fronte al sostentamento della famiglia attraverso lo stipendio medio, dove qualsiasi prodotto di qualsiasi marca poteva essere acquistato ovunque. Quel Venezuela e molto diverso da quello attuale.

Nessuno poteva immaginare il disastro che avrebbe rappresentato per il Venezuela, e per il continente, l'arrivo di Chávez al potere. Molti venezuelani, oggi perseguitati da Maduro, lo vedevano come un'alternativa nuova e promettente. Quindici anni dopo, il disastro lasciato dal regime di Chavez è monumentale, può essere espresso in tre parole: spreco, corruzione e autoritarismo. Il Chavismo ha sia pregiudizi sul fascismo che sul castrismo. Con il suo populismo sfrenato, ha raggiunto per la prima volta in Venezuela e nei paesi che hanno seguito lo stesso corso, una pericolosa frattura sociale. Da un lato, compaiono le classi popolari maltrattate che hanno beneficiato in modo effimero dei benefici ottenuti dall'affitto del petrolio.

D'altra parte, le classi medie, superiori e i settori sindacali, guardano impotenti le politiche disastrose che hanno devastato il paese, il modo abusivo in cui Maduro ( successore di Chavez) ha messo le mani in attività economiche con il controllo dei prezzi, cambiamenti nel commercio estero e il clima ingrato che ha creato per gli investitori locali e internazionali. Produzione bassa, importazioni insufficenti di prodotti di base, carenza di cibo, inflazione più elevata del continente, aumento della svalutazione giornaliera del denaro, hanno portato il paese in uno stato di decadenza.

Disastrosa e la situazione negli ospedali che si aggiunge alla mancanza di medicinali di base, interruzioni di corrente e l'insicurezza che rende Caracas la città più pericolosa del mondo, con più di 25.000 omicidi all'anno, più rapine e rapimenti. Il Venezuela ora scende in piazza per sfidare il regime Maduro e il grido di una città coraggiosa che quando appare non si arrende.

 

Gloria Janet Perilla

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK