20 luglio 2001: G8 di Genova

L'almanacco di oggi

| di redazione
| Categoria: Almanacco
STAMPA

Per la terza volta l'Italia ospita il forum dei governi delle principali potenze più industrializzate del mondo, divenute otto con l’ingresso della Russia nel 1998 (le altre sono Usa, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada).

La scelta di Genova come sede si rivela non proprio felice: fin dalla vigilia del vertice si registrano scontri tra le forze dell'ordine e i dimostranti che cercano di accedere alla cosiddetta ”zona rossa”, tra cui i più violenti sono gli anarchici Black Bloc.

Le fasi più drammatiche si vivono con la morte di un giovane dimostrante, Carlo Giuliani, e il blitz delle forze dell'ordine alla scuola Diaz, nel corso del quale si verificano pestaggi e violenze a danno dei manifestanti, oggetto di un'azione giudiziaria nei confronti del comando di Polizia. Quest'ultimo episodio ispira nel 2012 il film Diaz del regista Daniele Vicari.

Il 5 luglio 2012 la Cassazione condanna in via definitiva gli alti funzionari della Polizia per la sanguinosa irruzione alla scuola Diaz. Un'altra pesante condanna arriva, ad aprile del 2015, dalla Corte europea per i diritti dell'uomo (che ha sede a Strasburgo), che definisce "torture" i metodi utilizzati in occasione del blitz, riconoscendo a un manifestante il risarcimento di 45mila euro. Nella stessa sentenza viene denunciata l'assenza di norme precise, nella legislazione italiana, che puniscano il reato di tortura.

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK