Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

11 gennaio 1999: muore Fabrizio De André

L'almanacco di oggi

Redazione
Condividi su:


Fabrizio De André: Maestro riconosciuto di generazioni di cantautori italiani, "Faber" viene ricordato come il poeta degli emarginati, della libertà e dell'ironia dissacrante.

Genovese doc, del quartiere Pegli per la precisione, Fabrizio Cristiano De André scoprì il sacro fuoco della musica ascoltando Georges Brassens, uno dei più grandi cantautori di sempre, da cui fu influenzato anche nell'avvicinamento agli ideali anarchici.

Esponente di spicco della gloriosa Scuola genovese, che include artisti del calibro di Luigi Tenco e Gino Paoli (con cui condivise gli anni della gavetta), s'impose sulla scena musicale a partire dal 1964, grazie al brano La canzone di Marinella, primo sublime esempio del suo stile poetico fatto di metafore ed immagini pittoriche.

Altri capolavori di profondo realismo e ricercatezza lessicale, come "Il pescatore", La guerra di Piero e "Creuza de mä", scandirono i suoi circa 40 anni di carriera artistica, vissuta all'insegna dell'anticonformismo e dei temi del pacifismo e della nonviolenza. Vittima nel 1979 insieme con Dori Ghezzi (sposata in seconde nozze nel 1989) di un rapimento, conclusosi positivamente, si spense a Milano nel gennaio del 1999, per l'aggravarsi del carcinoma polmonare, diagnosticatogli cinque mesi prima.
Nel febbraio 2018 su Rai 1 è andato in onda il film biografico Francesco De André - Principe libero.

Condividi su:

Seguici su Facebook