Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

12 agosto: auguri ad Alessandra Amoroso

L'almanacco di oggi

Condividi su:


Alessandra Amoroso: Nata a Galatina, in provincia di Lecce, è una delle protagoniste della musica pop italiana, contemporanea, lanciata dal talent show Amici di Maria De Filippi.

La vittoria del popolare programma di Mediaset nel 2009 la lancia come cantante solista, trascinata dallo strepitoso successo di vendite (oltre 30mila) del primo singolo Immobile, che le fa avere il disco di platino.

Numeri che crescono vertiginosamente con i primi due album Senza nuvole e Il mondo in un secondo, entrambi tre volte dischi di platino, con più di 180mila copie vendute che salgono, nel computo totale, a quasi un milione in sei anni di carriera.

Il terzo album, Amore puro (edito nel 2013), ottiene il CD di platino ai "Music Award" del 2014 e nello stesso anno fa vincere all'artista salentina il premio Wonder Woman agli MTV Music Awards. Nel 2015 firma la sua autobiografia A modo mio.

All'inizio del 2016 pubblica l'album Vivere a Colori, certificato disco di platino e il più venduto in Italia nel primo semestre del 2016. Per celebrare i dieci anni di attività da solista nell'ottobre 2018 arriva il sesto album in studio: 10, disco d'oro già dopo la prima settimana.

Il 20 luglio 2019 raduna i fan in un parco divertimenti a Roma per trascorrere una giornata insieme, conclusa con due ore di concerto, e annuncia di prendersi un periodo di riposo.

Robin Williams: Le sue interpretazioni sul set risultano sempre di profonda intensità, sia quando commuove sia quando strappa un sorriso.

Americano di Chicago, comincia la carriera di attore a teatro, con i mimi (in cui era specialista) e con parti comiche. Esperienza che mette a frutto, alla fine degli anni Settanta, nella popolare serie televisiva Mork & Mindy, interpretando un simpatico alieno il cui originale saluto (Na-no Na-no) diviene un tormentone.

Passato al cinema, alterna negli anni parti comiche, come in Popeye - Braccio di ferro (1980), ad altre più drammatiche, su tutte quella del militare ribelle e anticonformista in Good Morning, Vietnam, che nel 1988 gli vale la prima nomination agli Oscar e un Golden Globe.

Sfiorata altre due volte con L'attimo fuggente (1990) e "La leggenda del re pescatore" (1992), l'ambita statuetta arriva nel 1998 grazie al ruolo dello psicologo Sean McGuire in Will Hunting - Genio ribelle.

Impegnato nel sociale a favore della ricerca e dell'assistenza medica, nel 2013 è nel cast di "The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca". Consumato dalla depressione, l'11 agosto 2014 si toglie la vita nella sua casa a Tiburon.

Condividi su:

Seguici su Facebook