Venerdì all'Hangar Bicocca c'è Simposio multidisciplinare “Foreste Plurali”

EVENTO PRESSO HANGAR BICOCCA

| di redazione
| Categoria: Cultura
STAMPA

Venerdì 22 novembre 2019, dalle 17 alle 23 presso l'Hangar Bicocca (Via Chiese 2, Milano) ci sarà "Foreste Plurali", un simposio multidisciplinare dedicato alla mostra “A Leaf-Shaped Animal Draws The Hand” di Daniel Steegmann Mangrané.

L’incontro, a cura di Giovanna Amadasi, è stato ideato e realizzato in stretta collaborazione con Daniel Steegmann Mangrané. Il simposio vedrà la presenza di studiosi provenienti da ambiti solo apparentemente distanti tra loro quali l’arte, la filosofia, la biologia e la musica, in una riflessione sul mutamento di paradigma in corso nel dibattito culturale e scientifico su questioni quali la relazione tra natura e cultura, l’uomo e le altre specie viventi, il singolo e le collettività.

Oltre all’artista interverranno, con lecture individuali e in un momento di confronto dialettico: Emanuele Coccia, filosofo e autore del saggio La vita delle piante. Metafisica della mescolanza (Il Mulino, 2018); David Monacchi, musicologo autore del progetto “Fragments of Extinction”; Lucia Pietroiusti, curatrice del progetto “General Ecology” alle Serpentine Galleries di Londra; Filipa Ramos, critica d’arte e studiosa delle relazioni tra arte, eco-attivismo e film studies; Giorgio Vacchiano, ricercatore e studioso di pianificazione forestale; gli artisti Oliver Bulas e Felix Luna che presenteranno “Bar do Amanhã”, una ricerca e un progetto performativo sulle proprietà delle essenze vegetali.

Il simposio nasce in dialogo con la mostra “A Leaf-Shaped Animal Draws The Hand”, curata da Lucia Aspesi e Fiammetta Griccioli, che si sviluppa in un insieme di elementi visivi e cinematici, luminosi e sonori, in cui le interazioni tra visitatori e opere, tra uomo ed altri esseri viventi, tra spazio e luce sono in un movimento costante e fluido.

Partendo da questo ecosistema cangiante e interconnesso, riflesso dei molteplici riferimenti filosofici, letterari e antropologici che sono alla base della pratica di Steegmann Mangrané, Foreste Plurali vuole essere un momento in cui le voci di diversi pensatori ed esperti si incontrano in dialogo con lo spazio, con il pubblico e con l’artista stesso.

La foresta pluviale, insieme di identità interdipendenti tra loro in un equilibrio tanto completo quanto inestricabile, è per l’artista metafora di relazioni che è possibile replicare a differenti livelli, da quello dello spazio espositivo e dell’istituzione museale, fino a quello della società nel suo insieme.

PROGRAMMA
Ore 17 – 20.30: interventi e panel discussion
Ore 21 – 23: performance “Bar do Amanhã”

Il simposio si svolgerà in italiano e in inglese con traduzione simultanea
Ingresso libero fino a esaurimento posti

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK