I TRII DÌ DE LA MÈRLA – di Carlètto Oblò

POESIA

| di Mariarosa Bugini
| Categoria: Cultura
STAMPA

Quanti stòri che hoo sentii
su la mèrla e i sò trii dì,
beh, fra i tanti quèsta chì
ve la cunti pròppi mì.
Ona vòlta, dis la stòria,

(voo on poo a spann e on poo a memòria)

el piumagg di nòster mèrla
l’era bianch come ‘na pèrla
de confondes coi colomb:
‘dèss hinn negher, negher piomb.
Ècco che on bèll dì succed
che ona mèrla se conced
on girètt su la città
e la tacca a sgorattà.
In la soa passeggiada
con Genar la s’è incontrada.

Barba bianca, vègg, cadent,
la ghe dis irriverent:
“ Oh Genar, di tò trii Sant,
de la nev i trii mercant,
de paura ghe n’hoo nò
i mè fioeu volen giamò”
De la nev, i trii mercant,
‘dèss v’el disi su l’istant,
hinn trii vègg cont el barbon,
pòrten frègg pròppi a monton:
Sant Antòni del porscèll
ch’el dersètt riva bèll, bèll;
San Gaudenzi al vintiduu
èccol lì rivà ‘nca lù
e San Giuli al trentun,
dòpo lù gh’è pù nissun.
E intrattant che la va via,
senza tant diplomazia,
a Genar ghe da ona sbèrla
cont el digh: “ Cippen i mèrla!”
El Genar el s’è inrabii
ma el gh’aveva anmò trii dì:
vintinoeuv, trenta e trentun.
Senza dì nient a nessun

l’ha cercaa la soa vendètta,
l’ha traa insèma ona ricètta:
frègg con nev e gel che crèss
come mai l’era succèss.
Pòra mèrla, coi merlòtt
l’ha tòlt sù, l’ha faa fagòtt
e l’è andada a cercà
on camin sul tècc di cà.
Per trìì dì l’è stada lì
coi sò fioeu tutt’inranghii.
Quand Genar l’ha vist sul tècc
‘sti usèi tucc pien de frègg
ghe da cors a la vendètta
el ghe dis con ‘na vosètta
a la mèrla on po’ biraga:
“ ‘Dèss te la doo mì la paga,
t’el foo mì ciappà on bèll sgagg,
el candor del tò piumagg
el color el cambiarà:
‘me carisna lù ‘l sarà!”
E de fatt, passaa trii dì,
coi sò fioeu anmò inranghii,
quand l’è foeura dal camin
a l’è pù color albin,
el color l’è tutt compatt
color negher ‘me on scorbatt!

 

I TRE GIORNI DELLA MERLA DI CARLETTO OBLO’
Libera traduzione di Mariarosa Bugini


Quante storie ho sentito
sulla merla e i suoi tre giorni,
beh, fra le tante che ho sentito
è proprio di questa qui che vi voglio raccontare.
Una volta, la storia racconta,
(vado un poco a spanne e un poco a memoria)
che le piume dei nostri merli
fossero bianche come le perle
Le loro piume erano cosi’ bianche che i merli
potevano essere scambiati per colombi.
Ora invece sono neri, neri come il piombo.
Ecco quello che capita un bel giorno
quando una merla si concede
un giretto sopra la città
ed inizia a lanciare schiamazzi.
Nel suo girovagare
incontra il mese di Gennaio.
A Gennaio che ha barba bianca, è vecchio e cadente,
la merla screanzata dice :
“ O Gennaio, di quei tre Santi di mercanti
che vendono solo neve,
io non ho paura
perché i miei figli sono già in grado di volare”

I tre mercanti della neve,
Ve lo spiego io tra un istante,
sono tre vecchi con le barbe lunghe,
portano con sé solo freddo e in grande quantità :
il primo è Sant’Antonio del porcello
che arriva bello bello il giorno 17;
San Gaudenzio arriva il ventidue
E San Giulio il trentuno,
dopo di lui non c’è piu’ nessuno.
E la merla, mentre se ne va,
è una merla un po’ maleducata,
allunga una sberla a Gennaio
e gli dice “Prova ad acchiappare i merli” !
Gennaio si arrabbia molto.
Poi considera che ha tre giorni di tempo
(ventinove, trenta e trentuno) per far pagare
alla merla il suo sberleffo.
Senza dire niente a nessuno
Gennaio, deciso a vendicarsi,
scatena un freddo spaventoso, neve e gelo
come mai se n’erano visti prima di allora.
La povera merla, con i suoi merlottini
si affretta a fuggire da queste calamità
e va subito cercare riparo in un camino sul tetto di una
casa.

Per tre giorni rimane li’
con i suoi piccoli tutti infreddoliti.
Quando Gennaio vede sul tetto
questi uccelli pieni di freddo,
e per completare la sua vendetta,
dice con una voce contraffatta
alla merla irrispettosa :
“Adesso ti faccio vedere io,
ti faccio anche prendere un bello spavento :
le tue piume cosi’ bianche
cambieranno di colore :
diventeranno nere come la fuliggine !”
E infatti, quando, passati tre giorni,
la merla esce dal camino
con i suoi piccolini ancora infreddoliti,
le loro piume non sono piu’ bianche,
sono diventate tutte nere
nere di un colore nero come quello dei corvi!

Mariarosa Bugini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK