IL VIZIETTO: fino al 2 febbraio si ride al Teatro Nuovo di Milano

Al Teatro Nuovo di Milano

| di redazione
| Categoria: Cultura
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Lo scorso sabato 25 gennaio abbiamo assistito allo spettacolo teatrale “IL VIZIETTO” al Teatro Nuovo di Milano. La commedia ha fatto registrare il pienone ed ha regalato un paio d'ore di divertimento allo stato puro, di allegria e di sorrisi. 

La commedia teatrale “IL VIZIETTO” è stata resa celebre dall’omonimo film del 1978 di Édouard Molinaro (adattamento cinematografico dell’opera teatrale di Jean Poiret “La Cage Aux Folles”). Molto spesso quando si pensa a questo titolo, la mente va all'interpretazione cinematografica stupenda di Ugo Tognazzi che ha contribuito pesantemente al successo dell'opera. 

La trama vede Renato, un viveur che convive da anni ed è impresario di uno dei locali più alla moda di Saint-Tropez e ha ‘il vizietto’ per le donne. La particolarità di Renato è la sua omosessualità dichiarata. Convive con un altro uomo (Albin nota ‘drag-queen’ con il nome di Zaza Napolì) da anni e gestisce un night di spettacoli ‘en travesti’. 

Proprio il vizietto per le donne regala a Renato un figlio, Laurent, che viene cresciuto insieme al suo convivente Albin. Il giovani Laurent avvisa il padre che ha intenzione di sposarsi con Adrienne (figlia di Simon Charrier, segretario del ‘Partito dell’ordine morale’, dallo spirito ovviamente bigotto e conservatore, contrario invece alle nozze). Laurent spiega a Renato di aver detto la verità alla futura moglie, ma questa, per ovvi motivi, ha dovuto mentire al padre riguardo la famiglia del suo promesso sposo, dicendo loro che è figlio di un diplomatico. 

Mentre Laurent, quindi, cerca di convincere i suoi ‘genitori’ a dover fingersi ciò che non sono, ghettizzando quindi Albin; Simon è coinvolto in uno scandalo, poiché il presidente del suo partito viene trovato morto fra le braccia di una prostituta minorenne e di colore. L’unica soluzione per riavere dignità, pensa la madre di Adrienne, è un bel matrimonio in bianco. Decidono perciò di andare a trovare i futuri suoceri. In poco tempo, Renato e Laurent devono convincere Albin a farsi da parte o a fingersi più mascolino: cosa impossibile. In una serie di peripezie, viene messa nella trama anche la vera madre di Laurent, che non lo vede da molti anni perché ha intrapreso la strada della carriera: personaggio sgradito al figlio e, soprattutto, al gelosissimo Albin. Cosa succederà, soprattutto se la donna desse buca e Simon si aspettasse di conoscere…la madre di Laurent?

"Il vizietto" tiene sempre alta l'attenzione dello spettatore che viene stuzzicato dalle battute e dalle situazioni divertenti e si trova davanti un cast di prim'ordine capace di regalare un'interpretazione ricca ed intensa.

-CAST-

RENATO – Claudio Insegno
ALBIN – Eraldo Moretto
SIMON – Guido Ruffa
LOUISE – Alessandra Sarno
JOSE – Mirko Darar
MERCEDES – Andrea Carli
FRANCIS – Giorgio Centamore
LAURENT – Niccolò Umberto Minonzio
SALOMÈ – Francesco Bianchini
CLAIRE – Giovanna Lupo
ADRIENNE – Eleonora Saitta

REGIA CLAUDIO INSEGNO

In scena al Teatro Nuovo di Milano fino al 2 Febbraio 2020

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK