NATAL A MILAN

Buon Natale a tutti

| di Mariarosa Bugini
| Categoria: Attualità
STAMPA

Me ricordi che a Natal faseva frécc.
Gh'era la nev e i veder coi stell de giàss.

Gh'era el camin
o la stua sempr'acès
e la pell di mandaritt a profumass.
La letterina piéna de brillantit
sconduda ben ben sòta el piatt del papà
con cent promess che duraven

men d'on dì
on testament per l'ann
che doeva 'rivà.
La poesia imparada a memoria
l'era la scusa per 'nda a troà i parent,
ciapà cinq ghéi, on belé
o per gloria,

toron e ciocolat de metes sòta i dent.
A Sant'Ambroeus andavom per i fòss

catà la tépa
per fà el presépi bell
l'era ona gara a troà i tòch gròss
per el prà e i montagn senza vedé 'l tochèll.
Dopravom l'antracite per fa i gròtt
e spécc per fa 'l lagh con dent i ochétt,
i statoètt de gèss e pù nagòt
se 'l nòno 'l ghe faseva nò i casétt.
L'albero l'era di sciori, e pòc credent

ma l'era alegher..
tacavom su tusscòss
i mandaritt, nous, bomboni,fil d'argent
el dì de Natal ghe stavom tucc adòss.

Intorna a on taol,
per mangià inséma l'oca,
mostarda, panaton e acqua di pòmm
speravom che vegniva giò la fioca
per scaldà 'l coeur e la Gèesa la pareva el Dòmm.

 

Mariarosa Bugini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK