Benefici e costi delle polizze casa

| Categoria: Attualità
STAMPA

Se è vero che la casa continua a rappresentare ancora oggi un bene di primaria importanza per le famiglie, oltre ad essere un modo per investire, appare comprensibile il desiderio di proteggere gli immobili con delle coperture assicurative adeguate. Le compagnie assicurative in parecchie circostanze mettono a disposizione dei pacchetti in virtù dei quali le polizze casa tradizionali sono integrate con assicurazioni dedicate, le cosiddette RC famiglia, che servono a proteggere tutto il nucleo familiare rispetto ai danni che possono essere causati non solo dagli stessi familiari, ma anche dagli animali domestici, dai conviventi e da chi lavora in casa (colf, domestici e badanti). Come si può immaginare l’esborso economico in tale circostanza è più elevato, ma il rapporto qualità prezzo può comunque essere conveniente.

Come si legge un contratto assicurativo

Nel momento in cui ci si accinge a firmare un contratto per la stipula di una polizza assicurativa, è importante avere ben chiaro il significato di alcuni termini in cui ci si potrebbe imbattere. I massimali, per esempio, corrispondono alla cifra massima che può essere riconosciuta dalla compagnia assicurativa nel momento in cui si concretizza uno dei danni indicati nella polizza. L’indennizzo, invece, non è altro che il compenso che viene liquidato al verificarsi del danno al soggetto contraente. La franchigia, infine, corrisponde al tetto minimo al di sotto del quale il danno non viene liquidato.

Gli errori da evitare

Un errore molto comune in questo ambito è quello che viene commesso da chi si sottoassicura. Non ha senso, infatti, tutelarsi per un valore eccessivamente modesto: qualora si dovesse verificare un sinistro, infatti, il rimborso erogato sarebbe molto più basso rispetto al valore della casa e del patrimonio contenuto in essa. Insomma, risparmiare poche decine di euro potrebbe risultare un azzardo in caso di necessità.

Dove informarsi sulle polizze per la casa

Il sito web Assicurazionimutuo.com rappresenta un valido canale per ottenere informazioni a proposito delle assicurazioni mutuo casa e, in particolare, della Polizza Incendio e Scoppio. L’approfondimento dedicato consente anche di conoscere i costi, che ovviamente variano in base alle coperture richieste, ma anche in funzione del valore del mutuo e del valore della casa. I massimali e le franchigie, a loro volta, hanno un impatto diretto sul premio che deve essere pagato.

Le polizze contro i sinistri

Le assicurazioni contro i sinistri non sono obbligatorie, ma sono comunque consigliate: può accadere, per altro, che l’istituto di credito vincoli la concessione del mutuo alla sottoscrizione della polizza. Non è molto difficile comprendere il meccanismo: la compagnia assicurativa, al verificarsi di un avvenimento negativo, garantisce una copertura finanziaria o un risarcimento al proprietario che subisce il danno, ovviamente secondo quanto previsto dal contratto e sulla base del massimale stabilito. Chiaramente, più cresce il massimale e più è elevato il premio che ogni anno deve essere versato alla compagnia, in una soluzione unica o a rate.

L’obbligo della polizza scoppio e incendio

Quello della polizza scoppio e incendio rappresenta il solo caso di assicurazione obbligatoria per un soggetto che si rivolge a un istituto di credito per chiedere un mutuo. Per tutta la durata del finanziamento, grazie a questo contratto si è coperti dai danni causati dalle scariche di corrente, dai fulmini, dagli incendi o dalle esplosioni provocate dalle fughe di gas. Prima di provvedere al risarcimento dei costi, comunque, le compagnie verificano sempre la natura dell’evento, così da accertarsi che non vi sia una responsabilità diretta da parte del soggetto assicurato.

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK