Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

PRESENTE E FUTURO DELLE AREE FALCK

Il PD di Sesto valorizza il disegno originario dell'architetto Renzo Piano e lavorerà insieme all'amministrazione e al Sindaco affinché sia tutelata la qualità del progetto

Condividi su:

Dal Partito Democratico di Sesto San Giovanni riceviamo e pubblichiamo:
 
  
Il grande progetto di Renzo Piano per la riqualificazione delle aree Falck è stato confermato dalla Giunta del Comune di Sesto San Giovanni con l'approvazione del Piano Integrato d'Intervento. Questo atto si è reso necessario per accogliere la Città della Salute e della Ricerca. Per preservare questo spazio importante di cura e ricerca la Giunta ha deciso di spostare le aree commerciali, già previste dal progetto originario dell'Architetto Piano, a circa 1 Km dal centro ospedaliero e di ricerca separato da un grande parco inserito in un contesto di verde che da solo raddoppierà le aree verdi disponibili in città. La realizzazione dello spazio commerciale consentirà un proficuo e innovativo riutilizzo del T5, la grande struttura di archeologia Industriale su cui è stata chiesta anche la protezione dell'UNESCO. La valorizzazione e il rilancio di questo grande patrimonio era e resta la priorità dell'amministrazione pubblica. Gli spazi commerciali non prevedono alcun aumento di volumetrie rispetto al progetto originario e avranno una connotazione diversa rispetto agli attuali centri commerciali: non è quindi previsto nessun parco di divertimenti. Tutto resta come nel Piano di Governo del Territorio e il Piano Integrato originario. All’interno di questi spazi coesisteranno le attività commerciali con quelle di carattere culturale, ludico e per il tempo libero. Il Partito Democratico di Sesto San Giovanni valorizza il disegno originario dell'architetto Renzo Piano e lavorerà insieme all'amministrazione e al Sindaco affinché sia tutelata la qualità del progetto, gli interessi della città e un futuro che sappia dare sviluppo e lavoro a Sesto San Giovanni e alla Città Metropolitana.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook