Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Non c'è pace per i defunti.al nuovo cimitero di Sesto San Giovanni

Comunicato stampa

Redazione
Condividi su:

Da Giovani Sestesi riceviamo e pubblichiamo:


Sesto San Giovanni: La raccolta rifiuti davanti all'ingresso del cimitero nuovo è l'ennesimo sfregio di una giunta menefreghista e incapace. La denuncia del Candidato Sindaco Paolo Vino "Non c'è pace per i nostri cari Defunti".

Non c'è davvero pace per i defunti a Sesto San Giovanni. Come avevo già segnalato, proprio davanti all'ingresso del cimitero nuovo da qualche settimana avviene il trasferimento dei rifiuti raccolti in città.

Nonostante la mia passata denuncia, che ha bloccato questo scempio solo per un breve periodo, sindaco e assessori non hanno mai mosso un dito, infischiandosene di una situazione inaccettabile e paradossale.  Anzi, hanno lasciato che i tanti sestesi (e non) che ogni giorno vengono al camposanto di piazza Hiroshima e Nagasaki continuino ad assistere a questo rumoroso "spettacolo" nei loro momenti di raccoglimento.

Non si tratta solo di rispetto per i defunti ma è una questione di decenza per tutte le persone che visitano il cimitero.

Ma la cosa più assurda è a che a poche centinaia di metri nella vicina area ex Concordia ci sarebbe tutto lo spazio che serve per svolgere le operazioni di trasferimento rifiuti senza creare alcun disagio ai cittadini.

Insomma, un problema che si potrebbe risolvere in pochi minuti, che sicuramente sarà scaricati sui lavoratori.

Peccato che questa giunta non sia in grado nemmeno di fare questo. Figuriamoci affrontare temi ben più complessi che riguardano il futuro della nostra città.

Se il rispetto per i defunti la dice lunga anche sul rispetto dei propri elettori, questa è l'ennesima dimostrazione di incapacità e menefreghismo di una amministrazione che nasconde dietro selfie patinati situazioni inaccettabili come quella che ho documentato.

Più incapaci o menefreghisti? Ognuno tragga le proprie conclusioni...


Sulla pagina FB di Paolo Vino potete trovare il video che denuncia questa vergogna.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook