Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

SINISTRA ITALIANA SESTO SAN GIOVANNI: il Sindaco Di Stefano non cura la pulizia e il decoro da 5 anni ma impiega operatori ecologici di domenica mattina per il suo evento

Comunicato stampa

Redazione
Condividi su:

Da Sinistra Italiana Milano rice iamo e pubblichiamo:

Domenica mattina, intorno alle 6.30 di mattina, gli operatori ecologici hanno pulito l'area del Parco della Bergamella a Cascina Gatti in via Fratelli Di Dio. Evidentemente il Sindaco Di Stefano si riferiva anche a questo quando, dal palco allestito per l'evento, ha affermato: "Oggi c'è ancora molto da fare ma abbiamo dato una bella svolta alla città: più sicura, più curata, più vivibile."

Il servizio comunale del lavaggio delle strade non era previsto per domenica 8 maggio, ma per sabato 7 maggio. Ci si chiede, perciò, come mai quegli operatori ecologici stessero operando di domenica mattina e in una giornata non lavorativa ma soprattutto ci si interroga da chi sia stato pagato quel servizio: Sono stati utilizzati i soldi dei cittadini per la campagna elettorale del Sindaco Roberto Di Stefano?

La mala gestione del servizio di igiene urbana si caratterizza per sporcizia e costi elevati. Il passaggio della gestione del servizio da Area Sud Milano S.p.a. a Impresa Sangalli, non è stato gestito nell'interesse dei cittadini. La Tari è aumentata notevolmente, strade e giardini sono nel degrado, tranne che durante le manifestazioni elettorali del Sindaco Di Stefano. Inoltre sono in corso contenziosi di questa giunta sia con Impresa Sangalli che con ZeroC ( ex Core ) che comporteranno ulteriori costi che saranno scaricati sui cittadini.

Il programma di #ReinventiamoSesto, in merito, recita quanto segue:

«Riscontrato che la Città è sporca, ma la cittadinanza paga il massimo di Tari e la relativa rendicontazione lascia a desiderare, la prossima amministrazione punterà a rendere più pulita la città ad un costo inferiore a quello pagato oggi dai sestesi. [...] Per un'adeguata gestione ed implementazione del patrimonio pubblico del verde realizzeremo un censimento di tutte le aree cittadine (parchi, giardini, scuole, piazze, strade alberate), rilevando quantità, qualità, stato manutentivo e localizzazione delle varie componenti, per essere in grado di redigere un piano di manutenzione (ordinaria e straordinaria) che evidenzi le risorse economiche occorrenti.»

Ma soprattutto:

«Si prevede di incrementare di circa il 40% gli investimenti a bilancio per la manutenzione del Verde Pubblico con interventi mirati alla cura dei parchi cittadini e dei corselli stradali che versano in un evidente stato d'incuria, implementando ed integrando di circa il 25/30% l'esistente patrimonio di forestazione urbana e boschiva con piante autoctone e da frutto.»
 

Condividi su:

Seguici su Facebook