Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

MICHELE FOGGETTA: "Da domani si torna a lavorare per fare un'opposizione seria e costruttiva"

Comunicato stampa

Redazione
Condividi su:

Da Sinistra Italiana Milano riceviamo e pubblichiamo:

Michele Foggetta da domani sarà al servizio della cittadinanza, insieme a tutti gli eletti delle coalizione progressista #ReinventiamoSesto, per fare un'opposizione seria e costruttiva in consiglio comunale e rappresentare al meglio tutti gli elettori che li hanno votati a queste elezioni amministrative a Sesto San Giovanni.

Michele Foggetta inizia la sua attività politica a Sesto San Giovanni candidandosi per la prima volta al Consiglio Comunale nel 2007 ed eletto nel 2012 come consigliere del gruppo Federazione della Sinistra. Dal 2017 è segretario della sezione Peppino Impastato del partito Sinistra Italiana a Sesto e dallo scorso anno è responsabile dell'organizzazione per la Città Metropolitana della federazione milanese di SI.

Il suo impiego di educatore professionale, oggi per Aias di Milano Onlus e fino allo scorso anno per Cooperativa Lotta Contro l'Emarginazione, lo ha portato a lavorare negli anni con i giovani, con la disabilità nelle scuole e con la prevenzione delle dipendenze da alcol, sostanze stupefacenti e malattie a trasmissione sessuale. Per un breve periodo ha anche lavorato nell'unità di strada prostituzione (della stessa Cooperativa Lotta Contro l'Emarginazione) che porta un po' di sostegno, aiuto e conforto ad una delle categorie più emarginate e invisibili della nostra società.

È da sempre molto impegnato anche nel volontariato e, dopo aver fatto parte del CESPI, storica associazione sestese, ha fondato l'associazione Shanti Sahara, onlus che realizza progetti a sostegno della disabilità nei campi profughi saharawi e che dal 2011 ha portato in Italia gruppi di bambine e bambini affetti da malattie croniche o portatori e portatrici di handicap permettendo loro visite specialistiche e interventi medici che altrimenti non sarebbero stati possibili.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook