PRESENTATO IL PROGETTO “CSBNO PER L'IMPRESA”

Una platea numerosa e interessata ha seguito la presentazione del nuovo progetto CSBNO fatto di servizi, proposte e idee per il mondo delle imprese

| di Antonio Giovanditti
| Categoria: Comunicati Stampa città di Sesto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Il CSBNO (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest), storico esempio di collaborazione tra enti pubblici e di condivisione della cultura e del sapere, sceglie di mettere a disposizione delle imprese e degli operatori economici non solo l’abilità di fare rete ma soprattutto il know-how generato nei molti anni di attività, fatto di progetti di formazione, strategie di consulenza, della percezione approfondita delle realtà socio-culturali più attuali, di welfare. 

Un patrimonio di conoscenza fondato sul solido tessuto di relazione costruito nel tempo e sul ruolo di guida e coordinamento che caratterizza da sempre il CSBNO. L'Obiettivo è quello di favorire l’accesso a una cultura di impresa che aggiunga valori e risorse, generando una nuova rinascita imprenditoriale.

Di questo e molto altro si è parlato mercoledì 13 luglio, in un affollato incontro che si è tenuto presso il Museo Storico Alfa Romeo “La Macchina del Tempo” di Arese - un pezzo di storia industriale che si è fatta cultura, sapere e orgoglio italiano. E’ l’esempio tangibile di quanto anche l’industria di eccellenza possa contribuire a generare cultura. Esattamente l’obiettivo del “Network del sapere e della cultura per l’impresa”, il sistema di relazioni fra aziende, professionisti ed enti territoriali che il CSBNO promuove. Sono intervenuti più di dieci relatori fra docenti universitari, specialisti nella formazione e consulenza, responsabili di aziende pubbliche e private che si muovono nell’ambito della cultura d’impresa. 


Ecco in sintesi i temi delle relazioni della giornata:

-Nerio Agostini, Presidente CSBNO - Saluti istituzionali
"La rete pubblica ha saputo modificarsi per aderire ai bisogni di una società in fermento e con una forte tensione al cambiamento, sia per restare al passo con la competizione ormai globale che per promuovere lo sviluppo economico come fattore di benessere delle comunità. Per questa ragione il CSBNO ha modificato il proprio assetto statutario integrando, nel territorio, cultura, comunicazione, informazione, formazione, turismo e tanto altro ancora. E’ su questa nuova base che nasce il progetto “CSBNO servizi per l’impresa”.

-Gianni Stefanini, Direttore Generale CSBNO - Inquadramento del progetto.
"Il CSBNO coglie la rinnovata richiesta del territorio alla ricerca di nuove opportunità sia in termini di fruizione della cultura sia in un’ottica di intensificare i legami con i vari soggetti che compongono le comunità. La grande rete che il CSBNO ha saputo creare in vent’anni e più di attività tra enti pubblici, mondo delle biblioteche, ambiti educativi e della formazione è il terreno naturale su cui far emergere potenzialità forti messe a disposizione di un pubblico finale, più ampio e diversificato. Una nuova vision del Consorzio, che si riconferma luogo di elaborazione e gestione dei servizi proponendo ai suoi associati e al mondo del lavoro inediti tavoli di cooperazione oltre all’accesso più puntuale e preciso alla formazione e, in generale, al mondo della conoscenza.

-Stefano Colombini, Curatore del progetto – Il perché e il come del progetto: i contenuti e i servizi
"Lo sviluppo sociale ed economico di un territorio passa necessariamente attraverso la creazione e il consolidamento di un sistema di relazione fra imprese, professionisti ed enti territoriali. In questo senso il CSBNO si propone come soggetto facilitatore e pone come obiettivo primario del progetto la costituzione di tale sistema, come opportunità per incentivare l’attrattività del territorio, lo sviluppo dell’economia, la competitività d’impresa e consolidare il rapporto con la comunità anche in ottica di sviluppo occupazionale principalmente giovanile. Per raggiungere questo obiettivo il Csbno restituisce alla comunità delle imprese il proprio know how sulla conoscenza, l’informazione, la formazione, il welfare culturale, la ricostruzione del profilo storico del territorio indispensabile per affrontare il futuro.

-Adriano Solidoro, Università Milano Bicocca - La cultura si mangia la strategia per colazione.
"Il vantaggio competitivo della creatività, delle competenze e del saper fare. Un elemento essenziale per la crescita dell’impresa è lo sviluppo delle competenze delle risorse umane, che si raggiunge attraverso la costruzione e la gestione di modelli e sistemi integrati in modo stabile e sistematico all’interno dell’azienda, finalizzati all’accrescimento delle capacità e della conoscenza, in una parola della cultura. E’ infatti la cultura che determina l’approccio alle persone, distingue l’azienda, connota lo stile della leadership.

-Ettore Maraschi, Politecnico di Torino - La cultura di impresa per la competitività.
"Il valore dell’impresa non è più determinato solo ed esclusivamente dal suo prodotto o dai servizi che offre ma si identifica, soprattutto, nella sua cultura, nel suo orientamento all’innovazione e alla produttività, nella capacità di adeguarsi ai cambiamenti. Gestire un cambiamento significa cambiare cultura, non solo nei valori dichiarati, come la strategia e gli obiettivi di un’impresa ma anche negli assunti taciti, cioè nel pensiero e nella convinzione delle persone che vi lavorano.

-Andrea Lovati, Fondazione Fiera Milano - Il valore della rete: network come cultura condivisa.
"La logica di network supera il mero concetto tecnologico-informatico e si apre all’accezione più ampia di condivisione di temi e percorsi. Una rete che sollecita lo scambio fra culture d’impresa e diventa spazio concreto e fisico di incontro e di confronto. La partecipazione a un evento comune come può essere un evento fieristico consente infatti di conoscere di più gli altri e se stessi.

-Claudio Calvaresi – Avanzi - Biblioteche e innovazione sociale.
"Le biblioteche sono spazi multidimensionali, che possono essere di supporto allo sviluppo di servizi e nuove economie. Va quindi posta nuova attenzione sulla funzione delle biblioteche come community hub: spazi di lavoro, di produzione, per la coesione sociale. Ne deriva una necessaria riflessione sulle potenzialità per le imprese rappresentata dalla rete delle biblioteche civiche diffuse sul territorio. In questo senso, il CSBNO si pone come attore nello sviluppo territoriale e nella sostituzione di territorialità.

-Lorena Giuranna - Ma*Ga, Gallarate - Arte contemporanea in azienda.
"La sensibilità all’arte contemporanea sollecita, di per sé, una maggior attenzione nel gusto personale, nelle potenzialità espressive, nella consapevolezza sociale. Si pone quindi come facilitatore della creatività d’impresa basata su una visione innovatrice e disincantata del futuro. Da qui nascono i progetti di formazione che si tengono al museo i cui obiettivi ricalcano quelli proposti dal progetto di CSBNO per l’Impresa.

-Gianluigi Ferri – Innovability - Tecnologia, cultura e impresa.
"Open innovation: una riformulazione dei tradizionali concetti di innovazione che rimpiazza i più consueti percorsi di sviluppo con nuovi paradigmi che travalicano i confini stessi dell’impresa, alla ricerca di condivisioni con le realtà esterne, anche non affini e di diversa natura, sicuramente portatrici di nuove visioni imprenditoriali. La fusione di tre elementi - tecnologia, cultura e impresa - ne costituisce il punto di partenza.

-Paolo Galvani – A.S.Co.CEN Arese - Commercio locale, identità e territorio.
"Il nuovo ruolo del commercio di vicinato deve essere quello di vero e proprio agente del progresso locale, in grado di integrare lo sviluppo del commercio con quello sociale e urbano; in un’ottica di condivisione e di valorizzazione degli obiettivi, che tenga conto dell’interdipendenza dei partner aggregati e del bisogno assoluto di una regia unitaria.


Sul CSBNO - Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest

Il CSBNO affonda le sue radici nella legge regionale del ’73 e nasce formalmente come azienda speciale nel 1997 con lo scopo di promuovere e gestire servizi per l’esercizio di attività volte a favorire l’innovazione e fornire servizi in un quadro di cooperazione bibliotecaria intercomunale. Il CSBNO, che si estende da Legnano a Sesto San Giovanni, è una realtà unica per dimensioni e operatività. Nei numeri: 33 Comuni | 800.000 abitanti | copertura di un’area geografica Milano Nord/Nord-Ovest di oltre 300 chilometri quadrati | 40 biblioteche | 3.280 posti lettura | 300 terminali PC | 300.000 utenti tracciati | 90.000 utenti attivi | 55 dipendenti |quasi 1.550.000 prestiti totali (libri e multimediale). Tra i servizi al pubblico si segnalano +TECA, con Card e agevolazioni, MLOL, la biblioteca on line, Cose da Fare, un calendario aggiornato e ragionato su tempo libero, eventi, viaggi e così via. Tra il 2015 e il 2016 il CSBNO ha avviato una serie di nuovi progetti volti a proporre servizi personalizzati per l’Impresa, il Commercio di vicinato, la formazione e così via.

http://webopac.csbno.net/

Antonio Giovanditti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK