Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

PRO SESTO: l'andata dei playout tra Seregno e Pro Sesto termina in parità

Seregno – PRO SESTO 1-1

Redazione
Condividi su:

Finisce in parità la sfida di andata dello spareggio salvezza tra Seregno e Pro Sesto. Sul terreno del “Ferruccio”, i biancocelesti vanno in svantaggio per una rete di Jimenez – propiziata da un calcio di rigore – ma con grande determinazione trovano subito il punto del pareggio. Nel finale vibrante e ricco di emozioni,  diverse occasioni per parte, con la Pro Sesto che sfiora anche il punto del sorpasso. Scapuzzi e compagni escono dal terreno di gioco tra gli applausi dei tifosi giunti in trasferta: tra sette giorni, al Breda, basterà un pareggio per la permanenza in Serie C.

La cronaca –  nelle fila sestesi la coppia Pasca – Di Gioia deve far fronte a diverse defezioni, che comportano un ridisegno dello schieramento iniziale: davanti a Del Frate la linea difensiva sarà composta da Maldini, Marzupio e Della Giovanna, poiché all’indisponibilità di Caverzasi si aggiungono alcuni problemi per Toninelli e Pecorini, entrambi in panchina. In mediana spazio a Sala e Mazzarani sugli esterni, con Cerretelli, Gattoni e Brentan a comporre il terzetto centrale. In attacco capitan Scapuzzi chiamato ad ispirare Capogna, uno degli ex di turno insieme a Capelli e Grandi.

I brianzoli padroni di casa abbandonano il 3-5-2 visto nel match di ritorno della regular season scegliendo un 4-4-2 in cui Lupu sostituisce l’infortunato Tozzo tra i pali, con Gemignani e Zoia nel ruolo di terzini ai lati di Solcia e Rossi. In avanti senza lo squalificato Cocco il riferimento sarà Cortesi, preferito a Dell’Agnello.

La sfida parte su ritmi elevati: al 4’ buon break di Gattoni che recupera a centrocampo, pallone per Capogna che a sua volta cerca Cerretelli, ma la difesa seregnese chiude ogni spazio. Sul ribaltamento di fronte combinazione in velocità tra Signorile, Cortesi e Gemignani, con Marzupio attento ad allontanare la sfera. Al 7’ incomprensione tra Scapuzzi e Sala, Iurato ne approfitta involandosi in area, ancora preciso l’intervento di Marzupio che con il fisico protegge il pallone conquistando il possesso. Ancora brianzoli in avanti al 10’: duello tra Cortesi e Della Giovanna, che lotta e concede solo la rimessa laterale.

Corner Seregno al 17’: dalla bandierina il pallone arriva a Cortesi, che – defilato sul secondo palo – colpisce di prima intenzione. Palla deviata con il corpo da un giocatore sestese e parata sicura di Del Frate. I padroni di casa provano ad alzare il baricentro: al 22’ Gattoni stende Jimenez nella metà campo sestese guadagnandosi il primo cartellino del match. Al 23’ punizione per il Seregno da posizione centrale: palla calciata sulla barriera, con Sala che non riesce ad allontanare. Cortesi si avventa sulla sfera rubando il tempo anche a Del Frate, ma quando la palla sembra destinata ad entrare in rete Della Giovanna si immola in scivolata deviando con il corpo la traiettoria. Poco dopo ammonito anche capitan Scapuzzi, che viene a contatto con Lupu. Il gioco si fa più spezzettato, con il ritmo che cala di intensità rispetto all’avvio di partita. Mentre sul “Ferruccio” inizia a cadere una pioggia leggera, Jimenez calcia una punizione dalla sinistra: sfera che supera una selva di gambe, con Cortesi che non arriva alla deviazione vincente. La risposta sestese arriva sempre su calcio piazzato: conclusione forte di Cerretelli ma troppo centrale per creare problemi a Lupu. L’ultimo sussulto del primo tempo lo firma Jimenez, che si insinua tra Scapuzzi e Sala e cerca la conclusione aprendo il piatto sinistro: sfera che finisce lontana dall’incrocio difeso da Del Frate.

La ripresa inizia sotto la luce dei riflettori. Al 49’ errore in fase di impostazione della Pro Sesto: Cortesi recupera un disimpegno errato e serve Signorile, che serve in profondità Jimenez. Il numero 20 seregnese in velocità viene a contatto con Del Frate, e per il sig. Fiero è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Cortesi: conclusione potente e centrale sulla quale Del Frate si esalta respingendo con la mano sinistra, ma sulla ribattuta è proprio Jimenez il più lesto a recuperare e a depositare in rete la sfera per il vantaggio dei brianzoli.

La Pro prova a scuotersi, proponendosi sulla sinistra con maggiore continuità: al 57’ sfera controllata da Sala proprio sulla sinistra, il numero 17 non ci pensa due volte e colpisce con grande forza verso la porta, da posizione defilata. La palla si impenna e scende a tutta velocità, insaccandosi sul palo più lontano e riportando così il risultato in parità per l’esultanza dei tifosi sestesi in trasferta a Seregno.

Dopo questo botta e risposta la gara si infiamma: prima una girandola di sostituzioni per entrambe le squadre – Ghezzi e De Sena rilevano Scapuzzi e Cerretelli, Zé Gomes e Balzano in campo per Signorile e Iurato – poi un contropiede pericolosissimo rifinito da Sala che calcia dal limite senza inquadrare la porta.

La risposta seregnese arriva al 67’: fiammata di Zé Gomes a destra, pallone sul lato opposto dove c’è Vitale che salta in solitudine ma non inquadra la porta. Sempre da sinistra pericoloso Zé Gomes, che cerca Invernizzi sul lato opposto: nuovo cross e Brentan è provvidenziale nel chiudere lo specchio concedendo l’angolo.

La squadra di mister Cau spinge al massimo: rasoiata di Invernizzi sul primo palo, Del Frate si allunga e sposta in angolo (71’), un minuto dopo botta di Vitale deviata dal corpo di Della Giovanna in corner.

Con le squadre più lunghe i capovolgimenti di fronte sono continui: al 74’ splendido tracciante di De Sena per Capogna che si invola in contropiede. Il bomber sestese salta un avversario e cerca un rasoterra al centro per premiare l’inserimento di Gattoni, Balzano salva i suoi anticipando il centrocampista in un “rigore in movimento”. Sul capovolgimento di fronte Cortesi e Zé Gomes creano scompiglio in area sestese, Della Giovanna ancora una volta riesce ad allontanare il collaborazione con Del Frate.

Altri cambi per la Pro: Pecorini e Lucarelli rilevano gli esausti Marzupio e Della Giovanna, con Mazzarani che si abbassa nel ruolo di difensore di destra e Maldini scala a sinistra.

La gara è apertissima e avvincente: a 10’ dal termine Ghezzi controlla a sinistra, sterza e con un interno mancino chiama Lupu alla risposta in corner; dalla panchina si alza Marilungo, che rileva Capogna. Nel finale incandescente ancora protagonista Ghezzi, che impegna notevolmente Zoia: prima il suo cross al minuto 84’ diventa un assist per Lucarelli, che di prima intenzione conclude altissimo, poco dopo un secondo suggerimento innesca Marilungo, che cerca la porta con una spettacolare rovesciata ma non trova l’impatto con il pallone. Nel finale la tensione è altissima: ne fa le spese Maldini, che viene sanzionato con il secondo cartellino giallo in pieno recupero. E’ l’ultima emozione  di questi primi 90’ della sfida playout: appuntamento al “Breda” tra sette giorni per il match di ritorno.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook