Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

GEAS: BEATRICE BARBERIS VUOLE METTERSI ALLE SPALLE L'INFORTUNIO E DARE IL 100% PER LE ROSSONERE

buone news in casa GEAS

Condividi su:

La prossima sarà la dodicesima stagione in rossonero per Beatrice Barberis. Milanese doc, classe 1995, ora studentessa del corso di laurea magistrale in Lettere Moderne alla Statale, Bea è entrata a far parte della grande famiglia Geas quando frequentava la prima media: e da allora non ha più voluto andarsene.  Bibi ha fatto parte di quel fortissimo e coeso gruppo di giocatrici – tra tutte, Cecilia Zandalasini, Martina Kacerik, Francesca Gambarini, Elisabetta Mazzoleni, Francesca Galli– capace di vincere cinque scudetti giovanili in una manciata di anni. Nelle categorie senior, Barberis è stata protagonista di tre promozioni: una dalla A3 alla A2, nel 2012-13, e due dalla A2 alla A1, nel 2014-15 e nell’ultima stagione. Lunga la sua storia anche in azzurro, prima nelle selezioni giovanili (bronzo all’Europeo Under 20 di Udine nel 2014) e poi nella squadra senior del 3 contro 3.

Molto rilevante l’apporto di Beatrice nella stagione appena conclusa: in particolare nel girone d’andata, nel momento in cui gli infortuni quasi in contemporanea di Galbiati ed Ercoli sembravano poter compromettere il cammino della squadra. A quel punto Barberis ha sorpreso tutti, caricandosi il gruppo sulle spalle come terminale d’attacco, sfornando a ripetizione prestazioni degne della categoria superiore. Nei mesi successivi, la storia non è cambiata: Barberis ha dimostrato di non essere un fuoco di paglia, continuando a viaggiare ad una velocità elevatissima, anche una volta passata la crisi-infortuni: 15,5 punti di media (prima bomber italiana e seconda in tutto il campionato), 6,3 rimbalzi, 1,5 assist e un altissimo 17,6 di valutazione. Il tutto mostrando di saper ferire in più modi le squadre avversarie: da sempre giocatrice contraddistinta da grande intensità difensiva, Bea ha in più portato a termine la sua evoluzione in esterna.

Ma proprio nel momento clou della stagione, a un mese e mezzo dalla conclusione del campionato, il crack: a marzo, negli istanti finali del derby contro il Sanga Milano, Barberis cade male e il suo crociato del ginocchio sinistro cede. Fortunatamente la squadra continua il suo percorso vincente e Bea può dedicarsi alla riabilitazione e al recupero posto intervento chirurgico, senza far mancare mai alle compagne il suo incitamento dalla panchina. In questi mesi, Bibi sta alternando la costante riabilitazione agli impegni universitari, in vista della prossima stagione con l’Allianz Geas.  Per aspera ad astra, il grido di battaglia della squadra, esprime alla perfezione anche il percorso ad ostacoli di Beatrice. Durante una pausa dai tanti impegni, l’abbiamo intervistata.

“Non è stato assolutamente un anno facile e banale per me – afferma la rossonera – : l’ultima a stagione mi ha dato tantissimo, sia a livello umano sia cestistico, e credo di essere cresciuta molto. Il momento dell’infortunio ha portato naturalmente un contraccolpo, ma alla fine la squadra è riuscita a chiudere al meglio il campionato. Sono felicissima: ci siamo meritate ogni cosa. L’infortunio mi ha colpito nel momento cruciale della stagione: ora posso soltanto sperare di recuperare nel migliore dei modi in questi mesi e di rimettermi in carreggiata”.

Condividi su:

Seguici su Facebook