ZIBBA APRE IL TOUR AL CARROPONTE

IL CANTAUTORE LIGURE HA SFIDATO IL RISCHIO PIOGGIA ED HA PRESENTATO UN LIVE ELEGANTE E PULSANTE

| di Antonio Giovanditti
| Categoria: Territorio
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Ieri sera il Carroponte ha fatto da cornice al live di Zibba, cantautore ligure che ha aperto "Universo Tour" che lo porterà in giro per tutto lo stivale per presentare il nuovo singolo omonimo. Ad accompagnarlo sul palco Stefano Riggi ed Andrea Balestrieri, due preziosi musicisti che riescono a mettere in risalto i ricami stilisticamente eleganti dei vestiti sonori dei brani (dai più datati ai più recenti). La voce di Zibba è un caleidoscopio emozionale perchè, dietro l'apparente ruvidezza, si nasconde un arcobaleno di sfumature vocali. Il live si evolve in un mix equilibrato di suoni: l'elettronica si amalgama con i fiati, le ritmiche della batteria si incrociano con le sinuose linee di chitarra.

E così scivolano via tra gli applausi del pubblico estasiato e divertito brani intensi e genuini come "Muoviti svelto", "Farsi male", "Ovunque" e la sempre bellissima "Una parte di te" (eseguita con una passione ed un trasporto unici, di quelle canzoni che toccano le corde del cuore). Ogni singola nota, ogni arpeggio di chitarra, ogni corda accarezzata è un sussulto per il pubblico che apprezza decisamente e non si risparmia in apprezzamenti. Così l'atmosfera si fa avvolgente anche per i brani "La medicina e il dolore" e "Il giorno dei santi". 

Segue un breve solo set con Zibba al centro della scena che esegue il nuovo singolo "Universo" che riscuote già gran successo tra il pubblico. Tra un aneddoto e un ricordo di esperienze di vita, Zibba prosegue il viaggio in solitaria con "Margherita" (brano che coinvolge la gente sotto il palco nonostante il retrogusto amaro di una storia autobiografica finita non benissimo) e "Le distanze". La scaletta si arricchisce di altri brani fra cui vanno menzionati la trascinante "Senza pensare all'estate" e "Che ore sono" che brilla di luce propria in una chiave molto electro-funky. 

Il live di Zibba è come un rincontrarsi tra amici, il piacere di riscoprire canzoni che hanno accompagnato porzioni di vita, suoni che ti si attaccano addosso e non se ne vanno. Un consiglio passionato? Dare un'occhiata alle prossime date del live. Non ne rimarrete delusi.

Antonio Giovanditti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK