Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

SABATO 21 APRILE A SESTO C'È "UN AMERICANO A PARIGI"

UNA SERATA DI SPETTACOLO A SOSTEGNO DELLA RICERCA SULLA DISTROFIA MUSCOLARE DI DUCHENNE

redazione
Condividi su:

Sabato 21 aprile alle ore 20.45, la Core’s Band Dance Company porterà in scena presso il Teatro Mazzucconi di Sesto San Giovanni il musical in 2 atti “Un Americano a Parigi”, in una serata di solidarietà a sostegno di Parent Project onlus, l’associazione di pazienti e genitori di bambini e ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne e Becker, grave patologia genetica per la quale non esiste ancora una cura.

La regia dello spettacolo sarà a cura di Marta Bozzeda e Osea Querzola, con la direzione artistica e le coreografie a cura di Chiara Pedretti; la direzione musicale e la traduzione ed adattamento dei brani saranno a cura di Luigi Tesan. Gli attori ed il corpo di ballo della Core’s Band Dance Company saranno interpreti di una vivace e brillante commedia musicale, ambientata nella Parigi del secondo dopoguerra; la compagnia ha già rappresentato con successo l’opera a Sesto San Giovanni, Saronno, Locate Triulzi, Pioltello e Milano.

Il ricavato della serata andrà a supportare Parent Project onlus, impegnata da oltre 21 anni a sostenere progetti di ricerca scientifica sulla patologia e, al contempo, ad affiancare pazienti e famiglie attraverso una rete di Centri Ascolto Duchenne, uno dei quali è attivo proprio sul territorio milanese. La Core’s Band Dance Company è stata fondata nel 2003, quindi nel 2018 compie 15 anni di attività all'insegna della solidarietà e del fare teatro per aiutare chi ne ha bisogno. È formata da professionisti, non professionisti ed allievi di Core's Band Academy, la scuola di formazione per lo spettacolo nata proprio per creare un vivaio di artisti che lavorino in compagnia. 

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) colpisce 1 su 3.500 neonati maschi. È la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. I progetti di ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e raddoppiare l’aspettativa di vita dei ragazzi.

Parent Project onlus è un’associazione di pazienti e genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Dal 1996 lavora per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine di bambini e ragazzi attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che hanno fatto crescere l’associazione fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie dei bambini che convivono con queste patologie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica al riguardo e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook