Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Emma B" di Sabrina Campolongo alla Libreria Tarantola

Presso la Libreria Tarantola

Condividi su:

Giovedì 28 febbraio 2019 alle ore 18:30 presso la Libreria Tarantola Sesto (Piazza Martiri di via Fani 1, Sesto San Giovanni) la scrittrice Sabrina Campolongo presenterà "Emma B" in un dialogo con Elisa Bolchi, docente universitaria e fondatrice della Italian Virginia Woolf society, dell’ossessione letteraria e popolare nata attorno alla protagonista del celebre romanzo di Flaubert, a partire dal rapporto di amore-odio dell’autore stesso per la sua eroina, passando per gli omaggi e le riscritture, da Revolutionary Road a Desperate Houswifes, per arrivare alla sua ossessione privata e al suo ultimo romanzo, #EmmaB (Paginauno La Casa Editrice, 2018) storia di una Bovary contemporanea e del suo complicato rapporto con la propria identità e con il materno.

La vita di Emma sembra essersi assestata sul binario della prevedibilità: madre di due figli avuti da due padri diversi – il primo, Cristian, da un uomo affascinante quanto inaffidabile, la seconda, Elisa, dall’attuale marito che è l’antitesi del precedente – conduce un’esistenza insipida nella provincia brianzola, appena rischiarata dalle soddisfazioni materne e da inconfessati acquisti di capi di lusso a prezzo d’occasione. Anche la crociera con la famiglia, ottenuta grazie a un caso fortuito, sembra destinata a essere l’ennesima esperienza frustrante, fino a che, una sera, si rivela, totalmente inatteso, il talento canoro di Elisa. La scoperta potrebbe essere la svolta insperata, l’accesso a un mondo su cui Emma ha solo fantasticato, allo scintillante ambiente della tv, attraverso il più popolare dei talent. Non resta che farlo accadere.
Quello di Emma B è il percorso di una Madame Bovary moderna, che esercita le proprie ambizioni per mezzo della figlia, ma è anche quello di una madre che vuole salvare la figlia amata dalla condanna al grigiore di un’esistenza di provincia. Un romanzo profondamente attuale, che riflette sui miti della società moderna, ma antico quanto il complicato rapporto tra madri e figlie.

Condividi su:

Seguici su Facebook