DOVE SEI FINITO ESSERE UMANO?

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - LETTERA DI UNA CITTADINA SESTESE

| di Redazione
| Categoria: Cucina In
STAMPA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO


DOVE SEI  FINITO ESSERE UMANO?

Vogliamo una città pulita e siamo i primi a sporcarla.

Vogliamo un lavoro e quando lo troviamo ci  lamentiamo.

Vogliamo il rispetto e siamo i primi a non darlo.

Vogliamo tante cose, tutti vogliono  tutto e nessuno  si accontenta.

Nessuno apprezza più quello che ha.

Oggi si vive correndo.

Chi più corre,  più si sente realizzato, più guadagna.

Vogliamo gli occhiali alla moda, l’auto con più confort possibili, l’Iphone,  la TV di ultima generazione… Vogliamo l’apparenza a tutti i costi e non ci preoccupiamo di nient’altro.

Non siamo più capaci di guardarci allo specchio, riconoscendo la persona che davvero dovremmo essere. Ci specchiamo e la nostra anima non si riflette insieme a noi, credo si vergogni!

Ha più buon senso di noi, peccato che è troppo debole per governarci e aiutarci a fare scelte di vita corrette.

Smanettando su Fb, mi passano link davanti e rimango sgomenta.

La lunga fila al nuovo Centro Commerciale di Arese per il pollo KFC,  gente che ha fatto più di 2 ore di coda per un pezzo di pollo.

Ma dove siamo arrivati? 

Nessuna coda per le votazioni, anzi la maggioranza non si è presentata. I nostri mari non interessano a nessuno!

E i potenti fanno la loro, decidono loro e noi stiamo a guardare.

Ma perché?

Perché guardiamo senza fare più niente per noi, per la nostra terra, per i nostri figli, per il  nostro futuro?

Perché stiamo fermi ad osservare che la vita ci scappi via?

Perché perdiamo tempo per mangiare un pollo gonfiato a siringhe e condito con chissà quali spezie?

Perché noi esseri umani speciali e dotati di un intelligenza unica e straordinaria, stiamo perdendo tempo?

Il tempo non dura per sempre, l’orologio corre e non aspetta.

La lancetta dei secondi, fa a gara con quella dei minuti e quella dei minuti corre così in fretta… e passano i giorni e poi gli anni, e noi dove siamo?

Siamo fermi a fare la fila per mangiare un pollo e prima ancora, in coda sulla tangenziale perché dobbiamo  essere i primi ad entrare dentro il nuovo Centro Commerciale!!

E  dall’altra parte del mondo muoiono esseri umani come noi, ma solo più sfortunati. E mentre annegano centinaia di persone e di bambini perché cercano in tutti i modi un posto sicuro dove vivere…noi continuiamo la nostra stupida e inutile coda dietro un banco che vende pollo.

Dov’è finito l’essere umano, quello che non corre, quello che passeggiando, nella quiete dei suoi pensieri, ritrova il vero senso della vita? Ritrova se stesso!

Dove sei finito essere umano? Dove sei finita umanità?


Lettera firmata

P.B.

Redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK