LA LEGGE DELL'ATTRAZIONE

Sono le nostre emozioni a guidarci.

| di Francesca Di Gioia
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Ben ritrovati nella rubrica ADAM@EVA 2DAY...mi chiedevo: quante volte ci siamo detti: "lo sapevo che non era quello o quella giusta" oppure "dovevo dire di no subito"?

Non vi giungono nuove queste parole, vero?

Ma allora perché siamo andati avanti ignorando il nostro istinto e i nostri stati d'animo?
Perché non ci siamo ascoltati e fidati di più di noi stessi evitando di perdere prezioso tempo e rarissima serenità?
Cosa penso io? Che sia perché non ci vogliamo abbastanza bene! Perché ci sottovalutiamo!
Perché soffriamo della “sindrome da crocerossina” che ci fa dire: "io lo salverò!", credendoci onnipotenti.

Ma basta pensare prima agli altri!
Ascoltiamoci porca mucca! Fidiamoci di noi stessi e delle nostre sensazioni.
Sono le nostre sensazioni a dirci come stiamo veramente e, quelle, non mentono mai!
Certo è importante imparare a riconoscerle queste sensazioni, a non confonderle. E' essenziale conoscere bene se stessi, per riuscire a non rinunciare troppo presto ma neanche a perseverare inutilmente e diabolicamente contro il nostro stesso bene.

Il rischio che si potrebbe correre, a volte per esempio, è quello di confondere la paura con la possibile infelicità, scappando ancor prima di provarci. Paura e infelicità però sono due cose diverse. La paura ci fa scappare e fa si che il nostro ego si crei delle scusanti autodifensive inconsce. L'infelicità invece arriva sempre dopo la paura, non si può arrivare all'infelicità o alla felicità senza aver superato prima la paura! Quindi, in qualsiasi caso, bisogna andare oltre se si vuole scoprirlo.
Smettiamola di concentrarci su ciò che temiamo e non vogliamo. Usiamo invece tutte le nostre energie per concentrarci su ciò che desideriamo, con tutte le forze!

Se invece di dire "non voglio più stare male, non voglio più una persona così fredda, insensibile, egoista, stupida, viziosa, dipendente, manesca o qualsiasi altro aggettivo preferiate" dicessimo: "voglio stare bene, voglio essere amata, voglio una persona affettuosa, sensibile, altruista, intelligente, stabile, equilibrata, rispettosa, premurosa", il risultato per la nostra mente non sarebbe uguale? Ovviamente si! Cosa cambierebbe? L'energia che emaneremmo, i nostri desideri sarebbero positivi e non includerebbero la parola "NON".

L'universo non conosce la parola "NON", recepisce solo gli aggettivi negativi pensati, proprio quelli cioé che non vorremmo e... proprio quelli ci manderebbe!

Si chiama LEGGE DELL'ATTRAZIONE e afferma: l’essenza di ciò che è simile si attrae. Pensiamo e chiediamo solo ciò che vogliamo! Attraiamo le cose a cui pensiamo maggiormente. L’aspettativa è una potente forza di attrazione: aspettati le cose che vuoi, non quelle che non vuoi! Trattati con amore e rispetto e attrarrai persone che ti amano e rispettano. Quando non stai bene con te stesso, blocchi l’amore e attrai persone e situazioni che continueranno a farti star male con te stesso. Concentrati sulle tue qualità e su quelle del tuo partner o del partner che vorresti, non sui motivi di insoddisfazione, e la legge di attrazione ti mostrerà altre cose positive di te e di lui/lei.

Prima però mi raccomando: chiaritevi bene le idee su ciò che realmente volete, perché é solo la volontà ad essere recepita e non la semplice parola! 

Non abbiate ora il terrore dei vostri pensieri ma provate ad ascoltare meglio le vostre sensazioni: le emozioni sono l’unico vero indicatore della nostra volontà, dei nostri desideri.

Per comprendere meglio Vi consiglio il libro "Il Segreto" di Rhonda Byrne, lei sicuramente spiega molto meglio di me tutto il concetto. Vi dico solo una cosa: per me é stato...illuminante...per questo voglio condividerlo con più persone possibile.

Spero davvero di non esser stata troppo noiosa in questa veste meno irriverente e più meditativa. Spero di esservi arrivata un pochino, di avervi dato anche soltanto un paio di parole di aiuto. Al scetticismo, al basso sarcasmo o alla stupidità rispondo: non voglio neanche pensarvi perché non vi voglio con me.

Quindi per farci due ultime risate: smettiamola di pensare a uomini calvi, a pantaloni sotto le ascelle, a tette piatte, a culi flosci, all’alitosi cronica, a risate imbarazzanti, a preliminari inesistenti, a peni insoddisfacenti e cervelli piccoli…sono certa che da domani aprirete la porta e troverete solo l’uomo o la donna dei vostri sogni!

Chiaro che non accetto richieste di risarcimento in caso di non funzionamento!!! Volontà e positività: chiedi, credi e ricevi!

Da ADAM@EVA 2DAY passo e chiudo. Alla prossima!

Francesca Di Gioia

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK