Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Capelli e pioggia: un binomio non esattamente perfetto

Come sistemare e acconciare i capelli nei giorni di pioggia

Condividi su:

Ciao a tutti e bentornati sul Pianeta Smarties dedicato alla bellezza ed a tutti i suoi segreti.

Possiamo pur dire che Ottobre è inziato col botto, anzi con vere e proprie bombe d'acqua...il mio pensiero inevitabilmente va agli sfortunati genovesi e a tutto ciò che hanno dovuto affrontare in questi giorni di maltempo.

Tornando a problemucci un bel po' meno seri...per me la vera tragedia nei giorni di pioggia, a parte la tristezza e la poca luce tipica di queste giornate autunnali, sta nel come sistemare i capelli. I miei sono mossi e, basta pochissimo perchè s'increspino e diventino un vero schifo.

Che fare quando ci ritroviamo alle prese con un'umidità che supera i livelli di guardia, a prova di capello, come si suol dire?

L'ideale sarebbe prevenire questo tipo di inconveniente con una strategia ben mirata e soprattutto preventiva. Da attuare su più fronti. Una vera e propria guerra, insomma i cui strumenti sono shampoo, balsamo, creme e sieri innanzitutto. Poi piastre e phon specifici, magari preceduti da prodotti anti-aridità e anti-secchezza e per finire uno styling adeguato, fatto di mousse, oli, lacche e sieri riparatori.

Per quel che riguarda i prodotti meglio sceglierli specifici per capelli secchi. In commercio ne esistono specifici anti-frizz, anti-umidità e a base di materie prime come cheratina, polimeri che avvolgono la fibra capillare rinforzandola e proteggendola, oli di argan, macadamia, orchidea, mandorle nutrienti, districanti e ammorbidenti (dai rivenditori per parrucchieri, nei negozi di parrucchiere o da Spehora nel reparto Capelli).

Esistono poi veri e propri filler per la fibra capillare, che agiscono dall'interno del capello con collagene, acido ialuronico, pro-keratina  e ceramidi per rimpolparlo e renderlo più forte e resistente a qualunque tipo di aggressione esterna, a breve termine come la tanto temuta umidità o a effetti più prolungati come l'inquinamento.

Nelle stagioni di mezzo, solitamente caratterizzate dalle piogge, come autunno e primavera (anche se ormai non si capisce più niente in fatto di stagioni) si può agire preventivamente optando per una piccola spuntatina dal parrucchiere che inoltre può effettuare diversi trattamenti specifici per capelli "frizzy". Da Kérastase con il suo ormai classico sistema Fusio Dose a L'Oréal Professionnel che con Rowenta ha messo a punto un servizio piega-trattamento anti-crespo, Steam Pod. Si può anche scegliere un trattamento a più lungo termine come Supraliss di Cadiveu Professional che si avvale di un innovativo sistema di texturizzazione dei capelli, sviluppato con una tecnologia che combina Cisteamina, Cupuaçu e Ceramidi.

Se poi il risultato proprio non ci soddisfa, ci restano sempre i classici: legare i capelli, magari scegliendo acconciature accattivanti che mascherino l'esigenza immediata anti-frizz o, se sono corti, pettinarli con del gel, più o meno wet.

Vi allego qualche video tutorial in merito e qualche idea di acconciatura carina per cui potete optare per una soluzione rapida ed easy.

https://www.youtube.com/watch?v=cpg0okDA4NQ

https://www.youtube.com/watch?v=fI9dQUZcNlE

Abbiamo inoltre un'altra opzione, a mio avviso molto cool: il cappello, a prova di qualunque grado di umidità. E' ottima si deve stare in giro tutto il giorno e specialmente all'aria aperta. Ha però lo svantaggio di appiattire un po' la chioma e togliere volume, non va quindi molto bene si vogliono capelli in piega e perfetti (a meno che non abbiate con voi uno shampoo secco e spazzola e pettine che vi aiutino a cotonare un poì la chioma).

Per oggi è tutto bellezze

Al prossimo capitolo di Beauty World!!!

 

Condividi su:

Seguici su Facebook