Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Risotto ai funghi

Il più classico dei risotti

Condividi su:

Il fungo ideale da utilizzare per la preparazione di questo piatto è sicuramente il porcino ma in considerazione del fatto che ormai hanno raggiunto un costo proibitivo, ripiegare su un fungo di coltura o su quelli surgelati non è più considerato un reato culinario.

Ricordate -e questo vale per ogni piatto che cuciniamo- che più alta è la qualità dei nostri ingredienti, migliore sarà il risultato finale.

Scaldare una padella, velarla con un filo d’olio evo e poi versare 400 grammi di funghi; lo choc termico li sigillerà evitando che rilascino acqua e si lessino invece che rosolarsi.

Portarli a cottura mantenendoli croccanti.

Nella padella in cui faremo il risotto scaldare una dose non troppo generosa di olio evo, versare 320 grammi di riso e farlo tostare per bene.

Io prediligo un riso Carnaroli, ma anche un ottimo Vialone Nano si presta bene per i risotti. Vedete voi cos autilizzare. 

Sfumare con del vino bianco ed a completa evaporazione dell’alcol  versare del brodo di carne leggero e bollente ed iniziare la cottura vera e propria  del risotto; man mano che il brodo viene assorbito, versarne altro.

Dopo 10 minuti unire i funghi e portare a cottura continuando a versare brodo quando necessario.

Fuori dal fuoco unire  50 grammi di burro  ed un fine trito di aglio e prezzemolo e mantecare per bene rigirando energicamente il riso.

Coprire con un coperchio e lasciare riposare un paio di minuti prima di servire.

Accompagnarlo con un buon bicchiere di vino rosso è quasi obbligatorio.

 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook