BASE MILANO APRE LA CITTA’ CON L’INSTALLAZIONE DELL’ARTISTA ROBERT MONTGOMERY

Dreaming of art

| di Chiara Nicolini
STAMPA

In-Between è la nuova programmazione artistica di Base Milano che opera a favore di nuove forme d’arte legate al messaggio contemporaneo. In questo caso esce dalle sale espositive e manda un messaggio alla realtà, grazie all’installazione dell’artista Robert Montgomery “The future is an invisible playground” una scritta luminosa posta sopra la facciata dell’ingresso dell’ex Ansaldo di Milano.

L’artista scozzese noto per le sue istallazioni luminose fatte di luci e testi ha proposto un’istallazione che poeticamente parla di futuro e guarda il mondo, a ciò che stiamo vivendo in questo momento. Base si pone per fare da tramite tra ciò che è dentro e che sta fuori, e qui ha voluto cogliere il messaggio di Robert Montgomery per rimarcare l’opportunità che ha l’arte contemporanea di prestarsi sempre più fuori dallo spazio canonico consentito e aperta al rapporto con il reale, in questo caso appunto in Beetween, tra due zone ben distinte ma accessibili.

“Con l’emergenza Covid - spiega l’artista - ci troviamo in un momento in cui il nostro presente appare molto difficile, e anche in un certo senso stranamente congelato. Per questo ho voluto creare per BASE un’opera che parla del futuro e rappresenta il mondo che ritorna in vita. Non sappiamo quel che ci riserverà il futuro, ma sarà nostro, e potrà essere positivo se lavoriamo insieme affinché lo sia. Questa è una ‘light poem’ dedicata all’inverno e al solstizio per segnare la transizione dal 2020 al 2021. Con questo passaggio dall’oscurità verso la luce, spero che riusciremo a risollevarci dopo tutte le sfide del 2020, e a cogliere nel 2021 la possibilità di cambiare il mondo in meglio, di mettere al primo posto l’ecologia e l’uguaglianza, e di costruire un nuovo mondo, fondato sulla gentilezza.”

Un messaggio che guarda al futuro, una speranza di vita ideale dopo una sfida difficile che potremo cogliere con nuova linfa, accantonando ignoranza, violenza e la brutalità che ci viene servita ogni giorno sotto forma di veleno.

 

Chiara Nicolini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK