Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

UN MURALE ISPIRATO A PIET MONDRIAN A MILANO, DELL’ ARTISTA OLANDESE ZEDZ

Dreaming of art

Condividi su:

Dopo la mostra “Piet Mondrian. Dalla figurazione all’astrazione”, ospitata al Mudec di Milano che ho visto e di cui ho parlato proprio su questo giornale, l’effetto Mondrian non abbandona il capoluogo lombardo. Per ricordarlo ed evocarne la magia di colori ha, infatti, preso forma un progetto d’arte pubblica per la realizzazione di un’opera muraria, ispirata proprio dalla produzione artistica del pittore olandese e realizzata dall’artista olandese Zedz.

Il nuovo murale, in fase di lavorazione, si affaccia su Piazza Angilberto II, nel cuore del quartiere di Corvetto, Municipio 4. Il murale è stato presentato lunedì 9 maggio. Il progetto nasce dalle volontà del l Museo delle Culture e l’Ufficio Arte negli Spazi Pubblici, il Consolato dei Paesi Bassi, con la collaborazione di 24ORE Cultura e il sostegno di Unipol. L’olandese Zedz, artista e designer poliedrico, è riconosciuto come uno tra i più importanti street artist internazionali.  Instancabile sperimentatore, porta avanti una ricerca che interseca writing, architettura, graphic design, animazione e wall painting, abbattendo i confini che separano i settori. Questa sua poliedricità rappresenta un ulteriore punto di incontro con il programma che il MUDEC e 24 ORE Cultura, in collaborazione con il Consolato dei Paesi Bassi, hanno messo in atto: l’influenza dell’opera di Mondrian è visibile in tutte le sfere artistiche, e Zedz continua ad esprimerne gli effetti in ciascuno dei campi in cui opera.

Il Mudec vanta una stretta relazione con il mondo dell’Arte urbana, avendo già lavorato con street artist non solo per progetti espositivi, ma anche per interventi nella città di Milano. Le collaborazioni hanno portato, ad esempio, alla realizzazione del progetto di riqualificazione urbana ‘’Un Muro che Unisce’’, una galleria a cielo aperto di 400 metri che, all’interno del Municipio 6, collega San Cristoforo al Mudec. L’opera di Zedz si inserisce dunque in una visione che prevede un progetto a lungo termine di valorizzazione dell’arte urbana nell’ambito della costante attività di ricerca antropologica, oltreché artistica, su cui il Mudec insiste da sempre, in quanto parte del suo modo di vedere e della sua identità di Museo delle Culture del Mondo.

Condividi su:

Seguici su Facebook