L'Arte di saper sorridere

| di Lucia Ferrara
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Benvenuti miei carissimi lettori di Dreaming of  Art,

questa settimana, la settimana del Santo Natale,

vorrei parlarvi a cuore aperto e discorrere con voi sull’Arte  della Vita.

Chi mi segue , avrà imparato a comprendere che nella mia rubrica si parla di tutto, essa segue le righe del mio cuore e non è soggetta a nessuna pressione esterna; parlo liberamente  usando come   filtro l’Arte, compagna della mia vita.

Per me l’Arte è  ovunque, non solo in un quadro, ma nella poesia, nella letteratura, nella scrittura, nella natura, nel respiro umano , in Dio.

Noi stessi siamo Arte, opere d’arte .

Avvinandomi a Natale, le cose mi appaiono sempre un po’ confuse, percepisco un’altalena di sentimenti contrastanti, da una parte  la gioia sottile ed intima del momento  ma dall’altra l’infinita tristezza , anzi direi una  profonda malinconia .

Penso al tempo, al tempo che passa, che ci cambia inevitabilmente, il tempo che ci sfugge dalla mani, ma non tanto in termini di età quanto di possibilità di godere delle cose realmente importanti.

Ma le ricordiamo ancora ?

Per le strade, che percorro in tutta fretta, scorgo volti senza espressione, luci accese ma pochi “cuori accesi”.

In questo tempo si sta perdendo la magia.

Osservando un anziano solo e curvo, in fila al supermercato, mentre si accingeva con fare lento alla sua spesa, avrei avuto voglia di abbracciarlo, investita inevitabilmente dal desiderio di condividere un abbraccio con chi non si ricorda più, forse,  il suo sapore, ma il pensiero di una sua reazione negativa mi ha fermata,  mi avrebbe presa per matta o, magari, per una delinquente che cercava di rapinarlo al supermercato.

Insomma, abbracciarsi, salutarsi, dirsi Buon Natale veramente è ormai in disuso e quanta solitudine vedo intorno, non basta solo dire Natale per distruggerla.

Ci vorrebbe davvero così poco ad essere altruisti, non servono soldi per regalare sorrisi ed imparare, dico “imparare” ad essere positivi.

Eppure, intorno, ognuno vaga perso nel suo mondo spoglio di luci e pieno di inganni.

Vivere, come ben sapete miei carissimi lettori, non è cosa semplice, il nostro è un viaggio spericolato che comincia con un pianto e vi auguro termini con un sorriso.

Ma come ottenere questo sorriso, questo è il vero quesito!

La vera Arte di vivere si nasconde dietro un sorriso, una cosa così semplice e gratuita che troppi hanno scodato, così come il significato di un’opera si cela dietro lo strato del solo colore, così l’essere umano nasconde il suo bene più prezioso ignorandolo.

Voglio dire alle persone che hanno dei problemi e che forse mi leggeranno, ai  malati, anziani, bambini, orfani, mendicanti  e a  tutto il mondo che più soffre, bene, sappiate che il mio sorriso è sempre con voi e con voi resterà per sempre.

La compassione, la comprensione, la condivisione  dell’ infelicità altrui, sono le prime porte verso il sorriso, l’abbraccio dell’essere umano che a Natale si scopre sempre più disarmato e vuoto.

Quindi, senza voler essere noiosa e ripetitiva, almeno a Natale, provate a sorridere alle persone per strada, a togliere bronci e serietà eccessive, abbracciate i vostri cari e se siete fortunati fate davvero qualcosa per gli altri, regalate loro il vostro tempo, non i vostri oggetti.

Il tempo, il sorriso, la positività vanno a braccetto con la speranza, la speranza che nonostante tutto vada a rotoli, qualcosa possa cambiare lavorandoci, certamente con un sorriso la strada sarà più luminosa.

Ricordate “ Basta un poco di zucchero e la pillola va giù !”

Buon Natale mie carissimi ed amatissimi lettori alla prossima emozione con Dreaming of Art.

 

 

 

 

 

 

Lucia Ferrara

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK