Confcommercio Lombardia: capillarità e flessibilità nei servizi per il lavoro

Lavoro e opportunità

| di Redazione
STAMPA

Il segretario generale Giovanna Mavellia all’iniziativa promossa da Patto lavoro Lombardia sulle politiche attive (a Patto Lavoro Lombardia – rete centri lavoro - aderisce il Capac Politecnico del Commercio)

Confcommercio Lombardia: capillarità e flessibilità nei servizi per il lavoro

“Il contesto che le imprese del terziario affrontano è quello di un’ampia liberalizzazione del mercato: dal commercio con la deregulation degli orari ai servizi con la direttiva Bolkestein.

Le piccole e medie imprese del terziario lombardo hanno bisogno di un mercato del lavoro che sia rapido, capillare, efficiente e flessibile nella possibilità di reperire personale e collaboratori.

I servizi al lavoro devono perciò avere queste caratteristiche”: lo ha rilevato Giovanna Mavellia, segretario generale di Confcommercio Lombardia, intervenendo questa mattina a “Cosa accade alla riforma delle politiche attive?”, l’iniziativa a Milano promossa da PLL, Patto Lavoro Lombardia, la rete che riunisce i principali centri privati accreditati per il lavoro. Fra di essi il Capac Politecnico del Commercio, ente di formazione e servizi al lavoro di Confcommercio Milano. “Le piccole e medie imprese – prosegue Giovanna Mavellia – rappresentano il 98% del tessuto imprenditoriale lombardo. Richiedono servizi al lavoro capillari, ‘tailor made’, ed è necessario che sia garantito un interscambio dei dati fra domanda e offerta sui profili lavorativi specifici.

Quelle del terziario, in particolare, sono imprese che richiedono personale capace di assicurare flessibilità e disponibilità ed hanno la necessità di ricevere consulenza per rafforzare le competenze dei propri collaboratori.

L'esperienza positiva della Dote Unica Lavoro di Regione Lombardia è una buona base di partenza che va affinata in relazione alla riforma e al ruolo dell'Anpal (Agenzia nazionale politiche attive per il lavoro). Tutto questo potrà essere sviluppato al meglio se le modalità di gestione delle politiche per il lavoro risponderanno sempre più a queste caratteristiche”.


Milano, 13 giugno 2016 

Comunicato Stampa

Redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK