MARTINA – DA MASSA A SHARM EL SHEIKH

Gestire un negozio di abbigliamento in Toscana e poi in Egitto, indispensabili professionalità e sorriso

| di Cristina Donati
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Martina ha 42 anni, bionda, sorridente e "toscanaccia" otto anni fa ha deciso di lasciare Massa per trasferirsi a Sharm el Sheikh, dove ha continuato a fare il lavoro che faceva da quando aveva venti anni, gestire negozi di abbigliamento, confrontandosi con una realtà ben diversa da quella che conosceva e riuscendo comunque a portare qui la sua professionalità ed il suo entusiasmo. Le chiedo di raccontarmi la sua storia, come è arrivata qui e come ha deciso di restare!
Mi racconta: "Sono  arrivata qui la prima volta in vacanza,  a trovare la mamma e la nonna che avevano deciso di trasferirsi da un paio di anni ( fantastiche e coraggiose le donne di  famiglia! ) solo una settimana ed in hotel, qualche tempo dopo sono tornata sopite in casa della mamma per tre settimane e le cose  son cambiate! Ho iniziato a vivere come vivono i residenti, facendo la spesa, litigando col tassista di turno, godendomi il tramonto ed  il mare vero. Tornata in Italia ho iniziato a sentirmi fuori luogo guardandomi intorno: tutti correvano,  erano nervosi, i colori erano diversi, era tutto strano ai miei occhi e ho capito che era il momento di provare! Così due mesi dopo ero qui pronta (o quasi ) per affrontare una vita tutta nuova. Ho cominciato subito a lavorare  con europei ed egiziani, assolutamente senza problemi e così  è stato fino ad ora. Ho tantissimi amici, tanti li ho ancora, tanti sono andati via, ma anche questo è il bello di Sharm...".
Chiedo quindi un consiglio: che dovrebbe fare assolutamente un turista che viene in vacanza per percepire l'atmosfera di Sharm? Non faccio in tempo a finire la domanda che a gran voce arriva la risposta  che aspettavo: "Uscire dall'albergo e andare i giro!  Visitare Sharm Vecchia fino in fondo nell'interno, non soffermarsi ai bazar che si trovano all'entrata, in modo da poter ammirare gli artigiani che incidono i piatti a mano, i panettieri che fanno il tipico pane arabo, i verdurai  che sistemano perfettamente frutta e verdura coloratissima, incontrare le famiglie locali. Un'altra tappa obbligatoria è Ras Mohamed  (il parco protetto), percorrendo la strada che porta a Marsa Barreika, una delle spiagge più belle e pranzare da Gemia il beduino che gestisce  la tenda, noi ci facciamo il pranzo di Natale, quello di Pasqua e tutti  i giorni liberi dell'anno".
Oltre al suo lavoro presso un negozio di abbigliamento, Martina si è anche inventata...il Marty Market!  un evento che porta in spiaggia un vero e proprio mercato, in cui si possono vendere e acquistare i prodotti più disparati: abbigliamento, casalinghi, giocattoli, saponi artigianali, tatuaggi....frequentato sia da europei residenti che da locali.
Quindi mettete da parte le solite paure da sconsiglio di viaggio, in questa piccola oasi la vita è andata avanti tranquillamente, i posti sono meravigliosi e con questi consigli di Martina più che turisti sarete veri viaggiatori! E magari siete lì quando c'è il suo Marty Market e chissà che non troverete qualcosa di veramente originale da portare a casa? (Contattatemi per contattarla! La mamma di Martina, che ovviamente ha continuato a vivere a Sharm effettua servizi personalizzati per giri turistici al di fuori dei soliti schemi).

Cristina Donati

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK