SIGNORI E SIGNORI IL CANE IPERATTIVO IL PINSCHER

ADATTO A TUTTI TRANNE AGLI ANZIANI

| di Luca Longo
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Oggi conosciamo il cane iperattivo, il PIincher ...

Il Pincher o zwergpinscher deriva direttamente dal Pinscher, le analogie tra le due razze sono evidenti, pur trattandosi comunque di un cucciolo ottenuto da vari incroci, e per questa ragione il suo aspetto è suscettibile di alcune variazioni.

Entrambi provengono dalla Germania.

Il primo esemplare di Pinscher nano è attestato intorno al 1900, ma crani appartenenti alla famiglia del Pinscher medio sembrano risalire addirittura ai tempi dell’homo habilis.

Classificazione e descrizione

E' considerato un cane da salotto e da compagnia e la sua altezza al garrese (cioè il punto più alto del dorso, localizzato tra collo è spalle) è 25-30 centimetri, mentre il suo peso ideale si aggira tra i 3 ai 6 chilogrammi.

Lo standard della razza comprende pelo corto, liscio e fitto omogeneo su tutto il corpo nei colori di marrone, rosso cervo o nero focato; le orecchie, che possono essere dritte o ricadere a formare una “V”, e la coda hanno attaccatura alta.

Ha un’andatura sinuosa e armoniosa, il collo, arcuato e slanciato è portato con eleganza,molto simile al piccolo levriero italialno.

Nonostante appaia alquanto esile, è tuttavia robusto e dotato di una forte muscolatura.

Nonostante la piccola statura, il Pinscher è un cane molto vivace e giocoso, intrepido, instaura un ottimo rapporto con i bambini, sebbene sia consigliato non affidarlo con noncuranza nelle mani di un bambino troppo piccolo, poiché la sua figura esile lo rende molto delicato.

Si adatta perfettamente ad ambienti ridotti, per questa ragione è altamente consigliato come cane da appartamento, inoltre avendo il pelo molto corto e raso non ne perde per casa.

Non è però adatto a coloro che desiderano una compagnia pacata e docile, poiché la vitalità del Pinscher è difficilmente contenibile e non è assolutamente adatto a vivere all’aperto, nonostante sia molto resistente alle malattie, il suo pelo non consente un’adeguata termoregolazione.

Il Pinscher stringe rapporti di affetto con gli umani, pur scegliendo un solo padrone ed essendo devoto ad un padrone soltanto, a differenza di ciò che avviene per altre razze.

Risulta, invece, alquanto ostile nei confronti dei suoi compagni a quattro zampe.

Si adatta facilmente alla vita domestica, e segue il padrone ovunque. Il solo difetto che lo rende un po’ meno ideale per un appartamento, sito in un condominio, è il suo forte istinto protettivo nei confronti della sua casa e dei suoi affetti, che lo inducono facilmente ad abbaiare, ed è molto difficile educarlo a perderne il vizio.

Ma il Pinscher non abbaia mai senza motivo, e i suoi sensi sono straordinariamente sviluppati.

La fase dell’addestramento vi metterà duramente alla prova, poiché il Pinscher è un cagnolino molto fiero e testardo, il quale difficilmente si adatta a seguire le regole, nonostante vanti una spiccata capacità di apprendimento.

Dovrete dimostrare molta costanza, mostrarvi fermi nella disapprovazione quando troverete le vostre pantofole masticate e quei suoi due grandi occhi tondi che vi guarderanno mortificati, intenti ad impietosirvi.

Se non desiderate che salga sul tavolo mentre mangiate, non dovrete assolutamente dargli dei bocconi, altrimenti si sentirà autorizzato a mangiare il cibo che si trova sul tavolo; il letto, in quanto piano rialzato, è secondo la legge di natura il luogo che vi insignisce di autorità, per questa ragione è auspicabile che il vostro Pinscher salga sul letto, o sul divano solo dietro vostra esplicita autorizzazione e non si azzardi a farlo di sua spontanea volontà; in terzo luogo, se volete insegnarli a fare i bisogni sul tappetino igienico o fuori, dovete portarcelo e lodarlo mentre li fa nel posto corretto, e mai, per nessun motivo fargli vedere che state raccogliendo i suoi bisogni fatti nel posto sbagliato, poiché il cane interpreterà il gesto come un maniera di occuparvi di lui. Per incentivare l’utilizzo del tappetino potete impregnarlo con qualche goccia di pipì del vostro Pinscher in modo che possa percepirlo come “il posto giusto”.

La toeletta non è molto impegnativa, è sufficiente spazzolarlo con uno di quegli appositi guanti per rimuovere brani di pelo morto.

Ma anche questo, è un gesto al quale il vostro Pinscher dovrà abituarsi, come alla pulitura delle orecchie con un batuffolo di cotone e sopratutto, le unghie vanno tagliate poiché vivendo in casa non avrà altro modo per “limarle”.e vi posso assicurare che sarà sempre un dramma !!!!

Alimentazione e forma

E'una razza che tende facilmente ad ingrassare , ed è esposto al diabete, per questa ragione la sua alimentazione deve essere scelta responsabilmente: le crocchette sono sempre la scelta migliore poichè costituiscono un pasto completo (solo BIOLOGICHE  MONOPROTEICHE) , lo tengono in forma e puliscono anche i denti che, gli standard della razza, prevedono di uno straordinario bianco.

La sua esile struttura ossea è fatta per supportare un determinato peso, permettere al nostro pinscherino di ingrassare significa affaticarne lo scheletro.

E’ buona norma, a questo proposito, portarlo fuori con voi a fare jogging, in modo che possa più facilmente tenersi in forma facendo qualcosa che questa razza ama molto: correre.e saltare.

Ci vediamo a breve con un altra avventura di Pets in The City !!!

Luca Longo

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK