Il Ginkgo biloba di Villa Mylius e la Sciura Mariuccia

sempre per te scriverò

| di Mariarosa Bugini
STAMPA

La Sciura Mariuccia

La Sciura Mariuccia, una dunetta de una certa età
Semper bela in urdin, tuta precisina,
tutti i matin ,passin, passot
dopo la gesa la fà una pasegiada
prima de turnà a cà.
La traversa il parco,quel piscinin
Quel duve ghe van anche i fioeu cun la schola
A imparà i erb, i fioeur e anca a divertiss.
Le la se ferma semper al laghett
La guarda i pess e
Qualche volta quand la guarda i tartarugh
la diss anca, suttovus,
Vardè vardè quella grossa se l’è bela !
Poe la me guarda a mi e la me diss : Beatto ti bel piantun
Ti si’ che te se fortunà. Ti te ste li’ in daperti’ denter stu bel laghett
cont i fioeur, cont i pess e cont i tartarugh
E si, ti te fè propi na bela vita
L’alter ier le rivada li’ cume al solit
L’ha guarda, l’ha riguardà, l’ha sé fregata i oeucch
E l’ha m’ha dumandaà : ma due te set andà mio bel piantun
Due te see ?
E mi mogio mogio g’hu di
La guarda che mi sunt ammo’ chi, ma dumà con i me radiss
M’han resegaà, han di che s’eri troppo malà
Ma Le la vedrà che in pocc temp saru’ ancamo bel alt,
Saru’ ancamo’ el suo bel piantun
E Leè , magari !, ma minga per mi !

Traduzione

La Signora Mariuccia

La Signora Mariuccia, una donnina di una certa età
sempre tutta ordinata, tutta precisina
tutte le mattine, a piccoli passi,
dopo essere stata in Chiesa si concede una passeggiata
prima di rientrare a casa.
Attraversa il piccolo parco
quello dove vanno anche i bambini con la scuola
a imparare i nomi delle piante, dei fiori e anche a giocare.
Lei si ferma sempre vicino al laghetto, guarda i pesci e qualche
volta, quando guarda le tartarughe dice
anche sottovoce : ma guarda quella tartaruga grossa come è bella !
Poi guarda me e mi dice : beato te mio bel piantone
tu si’ che sei fortunato. Te ne stai indisturbato dentro questo bel
laghetto con i fiori, con i pesci e con le tartarughe.
E si’ tu fai davvero una bella vita.

L’altro giorno è arrivata qui come fa di solito,
ha guardato e riguardato, si è fregata gli occhi
e mi ha domandato : ma dove te ne sei andato mio bel piantone ?
Dove sei ?

E io mogio mogio ho dovuto risponderle :
“Guardi che io sono ancora qui, solo però con le mie radici.
Mi hanno tagliato purtroppo, hanno detto che ero troppo malato.
Ma lei vedrà che in poco tempo crescerò e diventerò molto alto
Sarò ancora il suo bel piantone.”
E lei, magari, ma non per me

Mariarosa Bugini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK