Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il mondo non è uno spettacolo, ma un campo di battaglia

Siamo tutti stranieri

Condividi su:

Sono Ucraina. Sono nata a Kiev, ai tempi dell’URSS. 
Subito dopo la nascita, le circostanze mi hanno costretto ad andare a vivere in un piccolo villaggio, non tanto lontano da Kiev, dai miei nonni.

È stato un po’ stressante, ma ero troppo piccola per capire.
Neanche un paio di anni più tardi sono dovuta tornare in città per l’inizio delle elementari.

8 anni dopo, ad aprile del 1986, a Kiev, tutto ad un tratto ho visto mia madre fare i bagagli e, prendendo il primo treno, siamo andati a Mosca, da un parente lontano…Papà non ha spiegato il perché, si è limitato a dire che dovevamo farlo e basta. Un paio di settimane dopo avrei scoperto che la Centrale Nucleare di Chernobyl era esplosa.
È stato molto stressante.
Dopo altri 5 anni, una rivoluzione ebbe luogo e un unico stato si spezzò in 15 paesi diversi, i conflitti civili ed etnici iniziarono. In un breve lasso di tempo la popolazione si impoverì.
Dopo altri 7 anni nel 1998, la Russia subì un default, che ebbe grandi conseguenze anche nel nostro paese. Il dollaro smise di costare UAH 1,8 e aumentò a UAH 5,3. Quasi 3 volte tanto. È stato uno stress moderato.

Dopo altri 6 anni nel 2004, ebbe luogo all’interno del paese la prima rivoluzione durante la quale fortunatamente nessuno perse la vita e la situazione quasi non cambiò. Era stressante. Non molto, ma lo era.

Dopo altri 4 anni nel 2008 ci fu la crisi economica. Molti persero il lavoro e parecchie aziende chiusero. Il dollaro aumentò da 5 UAH a 8 UAH. E di nuovo, tutti si impoverirono. È stato molto stressante.

Dopo altri 5 anni nel 2013, una seconda rivoluzione ebbe luogo nel paese. Molte persone persero la vita. Il dollaro smise di costare 8 UAH e aumentò a 28 UAH. Raggiungendo anche picchi di 40 UAH. Alcuni persero la vita, mentre altri diventarono poveri.

È stato uno stress molto, molto forte.

Un anno dopo, nel 2014, iniziò la guerra. Tutti erano molto spaventati. Tutti chi potevano hanno lasciato il paese.

E’ stato uno stress MOLTO MOLTO MOLTO forte.

Dopo altri 6 anni, si verifica una pandemia sul pianeta e il mondo intero si ferma.

Oggi mi sono chiesta:

Ricordi l'ultima volta che hai pensato che tutto sarebbe andato bene, che ora era tutto finito e finalmente avresti vissuto felicemente?

La terra è un luogo crudele e ostile nei confronti di creature così fragili come l’uomo.
La vecchiaia tranquilla e calma e la giovinezza spensierata
potrebbero non esistere e se almeno in parte hai vissuto come avresti voluto,
puoi ritenerti fortunato.

Condividi su:

Seguici su Facebook