Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"CITTADINI DEL MONDO" MA COSA VUOL DIRE? Il termine può avere molteplici significati

"SIAMO TUTTI STRANIERI"

Condividi su:

CITTADINI DEL MONDO

Si autodefinisce cittadino del mondo colui che crede che gli abitanti della Terra formino un unico popolo, con diritti e doveri comuni, indipendentemente dalla nazionalità di appartenenza, e che pongono l'interesse di questa comunità mondiale al di sopra degli interessi nazionali.

Questa e la definizione che troviamo su Wikipedia e vari dizionari.

Ma cosa vuol dire, cittadini del mondo? Il termine può avere molteplici significati.

Per alcuni può essere l’impulso altruistico ad affrontare problemi globali, come il riscaldamento climatico o le disuguaglianze economiche.

Per altri può essere la possibilità di sentirsi in contatto, tramite la rete o i social media con altre parti del pianeta e condividere idee, valori o esperienze.

Può essere la possibilità di emigrare o di viaggiare perché il costo dei viaggi aerei è sempre più accessibile anche nei paesi in via di sviluppo.

Può essere l’esperienza di vivere in una famiglia multietnica, multinazionale o con radici in nazioni diverse.

O tutte queste cose insieme.

Essere "cittadino del mondo" è una identità naturale.

Questa tendenza è guidata dai Paesi delle economie emergenti in Asia, Africa e Sud America, mentre nella vecchia Europa il trend è contrario: la gente pone sempre di più la sua identità all’interno dei confini nazionali.

Eppure, dichiararsi cittadino del mondo implica, almeno tra qualche tempo, che il mondo esista come entità politica fondata sulla democrazia, il che giustifica la cittadinanza.

Eppure prima della crisi finanziaria del 2008 da varie fonti giornalistiche non era così.

Anche in Europa l’identità “globale” era in espansione.

Dal 2009 in poi i cittadini europei si “chiudono” dal punto di vista identitario.

L’istituto di ricerca Globescan per conto della TV britannica BBC  lo ha chiesto a 20mila abitanti di 18 Paesi.

Per la prima volta in 15 anni il numero di chi si sente cittadino “globale” supera quello di chi si sente cittadino di uno Stato (il sondaggio viene regolarmente ripetuto dal 2001).

E’ interessante notare che prima di quella data le percentuali in Europa e nel resto del mondo erano simili.

 L’identità globale è particolarmente forte (e in rapida crescita) in Paesi come la Nigeria, la Cina, il Perù e l’India.

Per contrasto solo il 30% dei Tedeschi si sente cittadino del mondo la percentuale era del 43% nel 2009.

Gli Spagnoli sono fra i popoli che più si sentono cittadini globali in Europa.

Gli Indonesiani sono i meno nazionalisti di tutti, ma il motivo è che si identificano fortemente con la loro comunità locale piuttosto che con il loro Paese; per i Pakistani l’identità religiosa è più forte di quella nazionale.

Ma l’identità religiosa è importante anche negli Stati Uniti mentre è minima in Europa.

I Russi sono i più nazionalisti, fra tutti i Paesi.

Essere cittadini del mondo, in definitiva, significa proprio
questo: non fredda globalizzazione
bensì caldo sfregamento di anime, difesa ragionevole della propria identità storica e culturale, ma anche disponibilità ad ascoltare voci e volti diversi, in un
autentico confronto mirato alla conservazione della propria identità naturale.

 La natura ci produce fratelli generandoci dagli stessi elementi e destinati agli stessi fini.

Essa pone in noi un sentimento di reciproco amore con cui ci ha fatto socievoli… teniamo sempre presente questo concetto, che siamo nati per vivere in società.

L'uomo oggi dovrebbe comprendere come la virtù e la saggezza consistano nell’aprirsi all’altro, visto contemporaneamente come diverso, per razza o visione del mondo, e identico a noi stessi: siamo tutti accomunati dall’appartenenza alla medesima stirpe, quella della ragione e del cuore.


Da una  frase del grande Charlie Chaplin

Non sono cittadino di nessun posto, non ho bisogno di documenti e non ho mai provato un senso di patriottismo per alcun paese, ma sono un patriota dell'umanità nel suo complesso Io sono un cittadino del mondo.


Gloria Janet Perilla

 

Condividi su:

Seguici su Facebook