Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La diversità che ci unisce.....

Rubrica SIAMO TUTTI STRANIERI

Condividi su:

In questura alla mattina vorrei ringraziare il divino labirinto delle cause, degli effetti, della diversità delle creature che popolano questo universo.

Noi siamo tutti diversi. Parliamo in modo diverso ma delle stesse cose: ringraziamo per il pane e per il sale, per la pace e la tranquillità nel paese che ci ospita, per la nostra salute, per il sorriso dei nostri bambini.

Quanto siamo diversi, ma abbiamo una cosa in comune: il coraggio e il carattere forte. 

1 anno, 2 anni, 5 anni ...

Veloce, tutto va veloce. Veloce va il tempo che monotonamente passiamo tra la casa e la scuola, la casa e il lavoro. Tutti i giorni. Veloci sono passati gli anni in un Paese straniero dove, se non sai starci, ti senti come una farfalla intrappolata, un piccolo bruco che ha solo una vaga idea di ali e di come si voli. Devi adattarti a questo stile di vita. O ti inserirci o stai fuori. Si, la porta è sempre aperta, puoi entrare e puoi uscire. Ma non puoi stare sulla soglia, creeresti solo un ingorgo.

La porta è aperta... a quanto vedo in questura tutta questa gente, mi pare di sì, è aperta a tutti. Per tutti fa bene. Per tutti si sente un “Entra”, provaci e se poi non ce la fai puoi sempre uscire. Ma prova ad andare avanti e a trovarti utile nel posto nuovo.

Bianchi, neri, gialli, religiosi, atei, agnostici sono tutti uguali con gli stessi diritti e doveri.

Prendi in mano la situazione e vola alto. Da crisalide a farfalla puoi farcela a librarti nell’aria. Ne vale la pena. Nella bellissima terra dove tu “rinasci” ringrazia per quello che hai.

Di “obrigado” per la casa calda. 

Di “spasibo” per la sicurezza del giorno di oggi e quella di domani. 

Di “Na som” per quello che hai, per la meravigliosa natura, per la terra, le montagne, le colline ed il mare.

Di “Dhanyavad“ per la scrittura e la lettura che ci fa esprimere liberamente e ci fa esplorare il mondo nuovo. Per l’attenzione delle nostre maestre che ci fanno scrivere ed esprimere in modo corretto. 

Di “diakui” per l’amore che muove il sole e le altre stelle e che muove tutto, in questo mondo.


Vocabolario:

Obrigado - grazie in Portuguese 

Na som - grazie in Cameroon 

Dhanyavad - grazie in hindi 

Diakui - grazie in Ucraino

Condividi su:

Seguici su Facebook