Giovanni Morassutti: La mia "voce" grazie a Giancarlo Giannini!

Un ruolo in Amigdala, il film in post produzione nel 2015!

| di Concita Occhipinti
STAMPA
printpreview

Oggi, cari lettori di Sestodailynews, parleremo di un attore "particolare" , vicinissimo a Giancarlo Giannini, essendosi diplomato proprio al Centro Sperimentale di Cinematografia da lui diretto. Giovanni Morassutti è un attore di teatro e di cinema. Durante il periodo di formazione all’Actors Studio di New York, ottiene alcuni ruoli in produzioni teatrali Off Broadway e fa un’apparizione nel film “Last Days”, diretto da Gus Van Sant.

Ha recitato in “Cinque donne con lo stesso vestito” e in “Io, Clarence” accanto ad Adelmo Togliani. Per il cinema ha preso parte al film “I Viceré” di Roberto Faenza e ha partecipato al film indipendente “Ventisette” di Stefano Usardi, nel ruolo del protagonista. Parallelamente al suo lavoro di attore, si dedica stabilmente all’insegnamento della recitazione all’Accademia “Achille Togliani” di Roma.

Tra gli impegni artistici lo abbiamo ritrovato in Amigdala, un film in post produzione diretto dal regista Vito Pagano, dove Giovanni interpreta uno dei protagonisti principali e che potremo finalmente vedere in azione nel 2015.

L'Intervista

Quando ti sei accostato per la prima volta al mondo "artistico"?

Diciamo che in qualche modo rientro nella categoria dei bambini attori nel senso che la vocazione l'ho sentita molto presto , all'età di circa 6 anni , quando in montagna mi divertivo a fare il prestigiatore , poi il regista delle barzellette con i miei amici e infine il ballerino stile Michael Jackson .

E oggi, cosa ti spinge a continuare questo percorso?

Il bisogno di comunicare quello che sento della vita , la mia verità , per arrivare a parlare al cuore degli spettatori

Chi ringrazieresti per il successo ottenuto ?

Sicuramente ringrazio il mio mentore John Strasberg che mi ha insegnato a fare quello che voglio profondamente fare della mia vita oltre che continuare a sviluppare il mio processo creativo . Ringrazio anche Ellen Stewart ( in arte La Mama ) che mi ha dato il coraggio di buttarmi nelle cose che faccio e in Italia ringrazio Giancarlo Giannini per avermi insegnato ad usare la voce .

Un aneddoto che mentalmente non ti lascia…

Vivi e lascia vivere e... la parte migliore di noi stessi è quella che nascondiamo

Parlami del tuo ultimo "progetto".

Il mio ultimo progetto non c'entra con il cinema o con il teratro ma riguarda sempre il mondo artistico . In Friuli ho sponsorizzato una residenza artistica nel mio centro culturale Art Aia - Creatives/ In / Residence e assieme ad un collettivo artistico chiamato Marsala 11 abbiamo inaugurato una mostra in uno spazio ricavato da una vecchia stalla di fine ottocento .

Per realizzare il tuo sogno, con quale autore o regista vorresti lavorare?

Mi piacerebbe lavorare con Bertolucci e con Tornatore .

Definisciti in tre parole.

Sensibile , profondo , egocentrico

Se tornassi indietro cosa non rifaresti?

Credo che non tornerei in Italia ma cercherei di ottenere la carta verde per continuare a vivere e lavorare a New York.

Cosa consiglieresti ai giovani che si vogliono accostare al mondo del Cinema o Teatro?

Di trovare un buon maestro , di non tradire se stessi per arrivare al successo e di migliorarsi come persone prima che come attori .

Il primo pensiero rivolto a..........

Ad Anna , la terza figlia di mia sorella , che vedrò tra qualche giorno per la prima volta .

Ringraziamo Giovanni e gli diamo appuntamento sempre qui, su Stelle di Giorno, per un'altra intervista, un'altra emozione!

"Dino Buzzati - Quando arriva settembre..." Con Giovanni Morassutti Un produzione: Veneto Art Movie - www.venetoartmovie.com Regia di Giacomo Ravenna Aiuto riprese: Cecilia Bozza Musiche: Opuzz Music

Giovanni Morassutti in una magistrale abilità vocale e recitativa.

L'Iniziativa

Scroll down for English version

Art Aia è un centro culturale , una residenza creativa, collocata all'interno di un' azienda agricola situata nella pianura Friulana nei pressi del paese di Sesto al Reghena in provincia di Pordenone . I suoi scopi sono la ricerca e la sperimentazione artistica nel territorio , l'informazione, la promozione dell’arte e della cultura in ambito locale e internazionale. Art Aia persegue esclusivamente finalità culturali ed artistiche, guidata dall’idea che l’arte può contribuire al superamento dei limiti e delle barriere posti ancora oggi alla comunicazione, che in qualsiasi modo riducono l’immaginazione e la creatività: limiti e barriere culturali, sociali, nazionali, linguistiche ed artistiche. Per questo motivo Art Aia è fortemente impegnata nella promozione di scambi e collaborazioni tra singoli artisti e gruppi di varie nazionalità e provenienze .Il Centro organizza ed accoglie diversi tipi di iniziative: gli artisti possono risiedere ad Art Aia durante periodi di studio e lavoro, per elaborare nuovi progetti, creare spettacoli o opere audiovisive di vario genere, per seguire corsi, seminari e workshops, di vario livello e su diverse tecniche, per presentare il loro lavoro all’interno di Festival e Rassegne e per svolgere attività tese comunque allo sviluppo delle proprie capacità artistiche. Le persone coinvolte ad Art Aia possono scoprire inoltre luoghi segreti immersi nella natura del territorio Friulano come borghi , abazie , chiesette , ruscelli e fontane . La campagna circostante il paese di Sesto al Reghena e la provincia di Pordenone infatti sono il luogo idoneo per questo progetto dal momento che sono collocate in una zona non coinvolta da pressioni di importanti centri e metropoli pur essendo uno snodo di grande rilevanza tra Venezia –Pordenone - Trieste e il Friuli Venezia Giulia rimane ancora una terra in qualche modo immaginabile e permeabile. Negli ultimi cinque anni , ad Art Aia , una delle attività principali è stata quella dell’alta formazione, con corsi tenuti da docenti e artisti internazionali. Diversi gruppi hanno inoltre usufruito della struttura per svolgere dei periodi di residenza, mirati alla preparazione di nuovi progetti artistici. Lo Spirito del Progetto Art Aia inoltre consiste nello sviluppare la creatività ,intesa come risorsa e potenziale di crescita culturale , all'interno di un contesto naturale , di stampo agricolo dove è possibile stabilire un rapporto nuovo tra l’uomo e il territorio .

Concita Occhipinti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK