Marco Leonardi: Dopo ANIME NERE, un altro film con Tornatore? Mi piacerebbe!

Nel cast con Peppino Mazzotta, Fabrizio Ferracane e Barbara Bobulova

| di Concita Occhipinti
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Nasce a Melbourne, nel 1971, già segnato dal successo grazie a Nuovo Cinema Paradiso e Come l'acqua per il cioccolato, due film che gli hanno consentito di essere conosciuto in tutto il mondo!

Naturalmente Marco ha anche interpretato Diego Armando Maradona, nel film di Dino Risi: Maradona, La mano de Dios, per giungere in tv con Il Capo dei Capi ed Elisa di Rivombrosa...

insomma un excursus da attore di serie A, se pensiamo alla sua interpretazione ne: Il tredicesimo Apostolo, La rivelazione...

Tra fiction, cinema e 10 anni a Los Angeles, tornato in Italia si è sposato ed è diventato padre di due figli. L'abbiamo raggiunto al telefono, simpatico, gentile e disponibile, Marco Leonardi ha risposto così!

-Quando ti sei accostato per la prima volta al mondo "artistico"?-

"A 3/4 anni, ho cominciato con spot pubblicitari... Colussi, Moncler...etc."

-E oggi, cosa ti spinge a continuare questo percorso?-

"Confrontarmi con personaggi nuovi  è sempre uno stimolo, mi rende felice. E' la mia vita...non riuscirei a vivere fuori dal complesso del cinema. Certo è faticoso, ma sono circondato da belle esperienze."

-Chi ringrazieresti per il successo ottenuto?- .

"Ogni Film ha avuto il suo valore, per esempio ne: La sposa era bellissima, devo i miei ringraziamenti a Pal Gabor, oppure ringrazierei Tornatore per avermi portato in giro per il mondo, ma anche Alfonso Arau, per Come l'acqua per il cioccolato, o Rodriguez, C'era una volta il Messico...Invece con affetto e grande ammirazione non potrò dimenticare Philippe Noiret. Lo incontrai ne: Dimenticare Palermo, insieme a Gassman e attori conosciuti nel mondo cinematografico..."

-Il tuo ultimo progetto?-

"Un film: Anime nere. Il romanzo di Gioacchino Criaco, tratta le vicende di 3 ragazzi dell'Aspromonte non affiliati alla 'Ndrangheta, ma coinvolti in una miriade di situazioni tipiche della malavita. È il viaggio infernale dei tre protagonisti, ma anche di un'intera generazione, attraverso le strade d'Europa. Muteranno il destino loro e quello di migliaia di persone che incontreranno sul loro cammino. Carnefici, ma anche vittime di un male antico nato nelle viscere dell'Aspromonte, diretto da Francesco Munzi. Anche se riprenderò lo spettacolo Processo alla strega con Ornella Muti, Ispirato a “Processo alla strega Matteuccia di Francesco” di Domenico Mammoli..."

-Per coronare il tuo sogno con quale regista o autore vorresti lavorare?-

"Sono già soddisfatto...Mi piacerebbe tornare a lavorare con Tornatore!"

-Se tornassi indietro cosa non rifaresti?-

"Rifarei tutto, la mia vita è stata piena di cose buone, ma anche di sbagli che sono riusciti a formarmi..."

-Come ti definiresti in tre parole?-

"Onesto, semplice e buono!"

Impegnatissimo nel cast de: Anime Nere, riportiamo per voi la trama...

Anime nere” è la storia di una famiglia criminale, vista dall’interno, negli aspetti più emotivi e contraddittori, che si spinge fino agli archetipi della tragedia greca. In una dimensione sospesa tra l’arcaico e il moderno, si svolge il racconto di tre fratelli, che dal Sudamerica, e dalla Milano della finanza, sono costretti a tornare, nel paese natale, sulle vette selvagge della Calabria per affrontare i nodi irrisolti del passato. (Regia di Francesco Munzi)

Cliccate sulla scritta sottostante per seguire il video di Marco Leonardi!

Appuntamento a domani, sempre qui su Stelle di Giorno, per un'altra intervista, un'altra emozione!

Concita Occhipinti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK