"Er Cinese...su Squadra Antimafia"...i VOLTI di Alessandro Prete!

Sono orgoglioso, passionale, generoso!

| di Concita Occhipinti
STAMPA
printpreview

Sotto il segno zodiacale dell'Acquario, nato nel 1975, Alessandro Prete è un attore italiano che partecipato al film di successo "Tre metri sopra il cielo" e a numerose serie televisive come "Il bello delle donne e Romanzo criminale - La serie."

L'abbiamo seguito anche su: Incantesimo 6, Blindati,Gli angeli di Borsellino,Vite a perdere,Posso chiamarti amore?,Romanzo criminale - La serie, nel ruolo di Shangai, Mal'aria, Crimini: Mork e Mindy, Il niente...

Il suo sogno? Quello di realizzare un film tutto suo, ce lo confessa in questa intervista rilasciataci in esclusiva per il nostro quotidiano online!

-Quando ti sei avvicinato per la prima volta al mondo artistico?-

"Mi sono avvicinato al mondo dello spettacolo in maniera del tutto naturale, non solo, perchè mio padre Giancarlo Prete era un attore, ma anche perchè sentivo dentro di me una curiosità pazzesca per tutto quello che era arte. Fin da piccolo ero attratto dal mondo cinematografico e non solo. Ho conosciuto artisti fantastici, Ugo tognazzi , Giancarlo Giannini, Mariangela Melato, Ettore Scola, Mario monicelli, Enzo.G. Castellari, M.Pfeiffer, Alida Valli e tanti altri...Sono nato e cresciuto respirando tanto spettacolo. Ma la svolta fu il mio primo provino che ho fatto con B. Bertolucci per io Ballo da Sola, fu lui a darmi una spinta speciale. Riconobbe, a suo dire, in me, una luce particolare che dovevo far brillare e così sto ancora cercando di fare..."

-Cosa ti spinge a continuare questo percorso?-

"Tanta curiosità, tanta passione, tanta voglia di esprimermi e tanta gioia nel fare il mio mestiere."Mio padre, mia madre, e tutte le persone che hanno creduto in me."

-Parlami del tuo ultimo progetto...-

"Beh, Squadra Antimafia.. poi un grande progetto cinematografico e tre regie al piccolo Eliseo per la stagione."

-Chi vorresti ringraziare per il successo ottenuto?-

"Tanti...ma forse gli occhi di mio padre al mio primo debutto a teatro. Non ci credeva nemmeno lui...Mi disse:" Forse lo puoi fare sto' mestiere..."

-Per realizzare il tuo sogno con chi vorresti lavorare?-

"Tanti registi... da Ozpetek a Sorrentino...ma il mio sogno nel cassetto è quello di realizzare un film io stesso da regista."

-Se tornassi indietro, cosa non rifaresti?-

"Nulla!! Mi piace il percorso che sto facendo, con tutti gli errori. L'unica cosa forse, darei meno ascolto ad alcune persone. Ma solo perchè sono state una vera perdita di tempo e oggi ho capito che l'unica cosa da non fare nella vita è quella appunto di non perdere tempo."

-Definisciti in tre parole...-

"Orgoglioso, passionale, generoso...!"

E desideriamo terminare questo incontro con un brano di Alessandro...che ci ha toccati...

"Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce..."

Su Sweepers, 2014

La trama: -Spillo e Conte uccidono, Calvo e Guinness puliscono il sangue, Molise e Mohicano seppelliscono i corpi: sono gli Spazzini. Lavorano tutti per due fratelli, i boss lo Slavo e il Tranquillo, alle prese con un nemico pericoloso che minaccia apertamente di ucciderli e prendere il loro posto. Per i sei amici spazzini è un'occasione unica: decidono di trovare ed eliminare il rivale dei loro boss. Ma la verità è ben più terribile e imprevedibile di quanto pensino, forse questo rivale è uno di loro.-

Ed io vi aspetto qui, su Stelle di Giorno, per un'altra intervista, un'altra emozione!!

 

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=FfAQm8pVN4A

Concita Occhipinti

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK