Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"HO DIMENTICATO DI DIMENTICARE" di Ilaria Lamanna

Tienimi tra le righe:Mi hanno detto che per dimenticarti avrei dovuto innanzitutto smettere di cercare te in ognuna delle persone che sulla strada mi capitava di incontrare...

Condividi su:

HO DIMENTICATO DI DIMENTICARE

Mi hanno detto che la vita è tutta fatta di ostacoli e che i momenti belli sono rari come quelle pietre che a riva non puoi trovare mai quindi, tanto vale abituarsi a sopportare fino a che anche il male non fa più male.

Mi hanno detto che il tempo è maestro nel cancellare tutto, peccato che a me non ha mai insegnato niente ed io oramai è un po' che nemmeno lo sento più passare. Mica m'ha aiutato a dimenticare, m'ha aiutato solamente a vedere un po' di più quanto lontana fosse ogni parte di te quanto lontana fosse da me.

Mi hanno detto che se non rischi non vivi, ma me l'ha detto sempre chi si è accontentato di sentirsi amato senza amare, di essere scelto senza scegliere mai, di trovare senza cercare.

Come se bastasse lasciarsi trasportare senza mai avere la forza o quantomeno il coraggio di stare al comando del proprio viaggio.

Mi hanno detto che se non ci pensi più non fa più male, ma io non ti penso mai eppure ti sento sempre dentro non te ne vai via mai e quando me ne accorgo mi viene da pensarti e sono un'altra volta punto e a capo.

Mi hanno detto che per dimenticarti avrei dovuto innanzitutto smettere di cercare te in ognuna delle persone che sulla strada mi capitava di incontrare, che avrei dovuto tenere a mente tutto il male e lasciare andare i ricordi belli per poter ricominciare e poi mi hanno detto che per scordarti avrei dovuto scordare ogni volta che mi hai fatto sentire il cuore accelerare come una macchina su una strada poco trafficata, e tutte le cose che abbiamo vissuto senza sapere che la vita era lì e noi non la vedevamo bene perché la vita non fa rumore.

Allora ho fatto cosi, ho scordato i posti belli che mi hai mostrato, i miei capricci e le mie soluzioni, le prime volte che m'hai capito e io ho pensato -è incredibile davvero!-

Ho scordato le pieghe delle tue labbra e le notti a pensare che la notte doveva passare in fretta perché ti dovevo rivedere

Mi sono scordata di pensare e qualche volta di dormire e qualche volta di respirare.

Mi sono scordata anche di me ma non è bastato mica a dimenticarmi di te.

IL ARIA

Condividi su:

Seguici su Facebook