Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

QUALI SONO LE 5 PROFESSIONI DEL FUTURO?

Universo digitale

Condividi su:

Quali saranno i campi lavorativi che offriranno più possibilità nei prossimi anni? Quali nuove professioni vedranno la luce grazie al continuo progresso della scienza e della tecnologia? Quali occupazioni emergenti si affermeranno? Molto dipende dall’evoluzione del mercato del lavoro e dalla capacità di intercettare in anticipo le nuove opportunità. In base a recenti studi di alcune fra le più brillanti università britanniche hanno ipotizzato i "lavori del futuro", ovvero i campi in cui ci saranno più sbocchi e quindi più possibilità di far valere le proprie competenze. 

1.Consulenti della terza età: saranno delle figure che andranno in aiuto alla popolazione più in là con gli anni e gestiranno esigenze personali (dal campo medico, farmaceutico, psichiatrico, protesico all’alimentazione e al fitness).

2.Chirurgo per l’aumento della memoria: si tratta di chirurghi in grado di aumentare la capacità mnemonica a chi vuole espandere la propria memoria. Ciò implica anche un'attenzione particolare alle eventuali disfunzioni sensoriali che potrebbero sopraggiungere.

3.Pilota spaziale e guida turistica dello spazio: Con la diffusione del turismo spaziale ci sarà bisogno di piloti specializzati nei viaggi spaziali, di guide turistiche “galattiche” in grado di raccontare i segreti dello spazio.

4.Broker del tempo: Tenendo in considerazione la bellezza delle banche del tempo, si può dire che già oggi il tempo a disposizione delle persone è utilizzato in alcuni casi come sistema alternativo di pagamento. Questa “moneta alternativa” potrà dare luogo a un vero e proprio mercato “finanziario” del tempo, in cui agiranno broker e agenti di cambio specializzati.

5.Assistente per social network: L'utilizzo dei social network sarà sempre più sviluppato e così è probabile che in futuro ci saranno figure che si specializzeranno nell'aiutare le persone traumatizzate o marginalizzate dai social network.

Condividi su:

Seguici su Facebook