Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

PARLIAMO D'AMORE...MAMMA ANGELA SCRIVE ALLA SUA BAMBINA

UN BATTITO DI CUORE QUANTE EMOZIONI PUO' REGALARE.

Condividi su:

Dedicata a Rebecca, la mia Bambina.

Due linee rosa, hanno reso la mia vita diversa, felice. Una nuova vita in arrivo. Poi una voce confusa, nella mia testa un’immagine sfuocata, l’ha trasformata per sempre. Un per sempre che mi ha cambiata, un per sempre che porta con se un dolore che non trova collocazione dentro il mio cuore sanguinante di lacrime.

Affacciata alla finestra, mentre il cielo piange insieme a me, vedo decine di ombrelli colorati che si muovono, e nonostante la pioggia, la felicità regna sui visi di quelle persone che portano in braccio il loro bambino. Da oggi la loro vita cambierà per sempre, con sé hanno il dono più bello.

Tu quel mondo non lo vedrai mai, respirerai fino a quando il coraggio di dire basta, uscirà dalla nostra bocca. Fino a quando, il rumore di quella macchina, permetterà alle tue minuscole manine di stringere le nostre dita, sento che mi stai chiedendo aiuto. Ed io, Bambina mia sono impotente.

Nessun dolore e nessuna presenza cancellerà mai i nostri momenti speciali, le nostre chiacchierate, il mio presentarti il mondo attraverso me. Ti ho fatto conoscere attraverso i miei occhi i nuovi colori della primavera. Attraverso il mio olfatto, i suoi nuovi profumi. Ti ho fatto ascoltare attraverso il mio sentire il rumore del mare, mentre ti coccolavo, e percepivo che ti piaceva, ti rilassava.

Un battito di cuore quante emozioni può regalare.

Oggi attraverso le mie lacrime, ti sto facendo conoscere la sensazione di bagnato, come quella che lascia una pioggia improvvisa. E’ una sensazione che oramai conosci bene Tesoro mio, non sono capace di regalarti altro da quando quella voce che ha provato ad essere anche dolce, ci ha raccontato questa triste realtà.

Hai avuto fretta di conoscere il mondo, non hai voluto aspettare che tutto fosse pronto. Ti sei voluta presentare all’improvviso, così come all’improvviso andrai via. E’ stato difficile giungere fino a qui, ma non puoi continuare a “vedere” solo i fili di una macchina, e stringere forte le nostre dita.

Oggi attraverso il mio dolore ti faccio il regalo più grande, la libertà più grande.

Vai, vai a conoscere i colori, i profumi e il silenzio dell’infinito cielo.

Vola angelo mio, vola alto e trova la tua pace.

La tua manina si apre e lascia per sempre le mie dita… Non è un addio, ma solo un arrivederci.

Ciao Rebecca. ( La tua mamma )

Condividi su:

Seguici su Facebook