In memoria di Roberto Ammendola

Il torneo di Roby

| di Raffaella Lamastra
| Categoria: Territorio
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

In Memoria di Roberto Ammendola

Ricordiamo tutti la notizia dolorosa e drammatica, della scomparsa prematura di Roberto Ammendola.

Ci ha lasciato per una meningite fulminante che, oltre a non aver dato il tempo a nessuno di salutarlo prima che partisse per questo lungo viaggio senza ritorno, non ha dato il tempo neppure a lui di poter vivere tutti i suoi sogni e progetti, che ogni ragazzo della sua età, si porta dentro.

Anna D’Ambrosio, la zia di Roberto, ci invita a partecipare al torneo, in sua memoria.

E nel gruppo di facebook: Sei di Sesto se... scrive: " L'11 APRILE 2014 DALLE ORE 19:00, SI SVOLGERÀ UN TORNEO IN MEMORIA DEL NOSTRO ROBERTINO AL CAMPO FALK, LE SQUADRE PARTECIPANTI SONO LE ULTIME 3 SQUADRE DOVE ROBY HA GIOCATO E UNA SQUADRA DEGLI AMICI. TUTTO IL RICAVATO ANDRÀ ALLA SUA FAMIGLIA, PERCIÓ CERCHIAMO DI ESSERE TUTTI PRESENTI E DI COINVOLGERE PIÙ PERSONE POSSIBILI! CONDIVIDETE QUESTA FOTO AFFINCHÉ CIO'  AVVENGA."

E come nel film, “ L’uomo dei Sogni” Noi sestesi faremo rivivere Roberto e gli faremo giocare la sua partita.

Giocherà nel silenzio e nella trasparenza in cui ora è avvolto, nessuno lo vedrà ma sentiremo la sua presenza, perché lui sarà lì e la sua gioia sarà indescrivibile.

I suoi compagni di squadra, il suo allenatore, i suoi giocatori preferiti, la sua famiglia, i suoi amici, e tutti insieme saremo i suoi fan sestesi.

Una città unita nel ricordo di Roberto Ammendola.

La mancanza di chi non c’è più è il dolore più grande per ognuno di noi.

Colmare il vuoto di un essere umano è impossibile.

Il non poterlo più vedere, il non poterlo più sentire.

Come si può sopravvivere a questo? Una domanda a cui rispondere, è veramente difficile.

Forse l’unica cosa che può aiutare è il ricordo.

Ricordare una persona cara e farla vivere dentro di noi, con le immagini che scorrono nella nostra mente, rammentando i momenti indimenticabili passati insieme.

Il Ricordo che viaggia dentro di noi, è l’unica cosa che ci rimane.

Sulle pagine di un libro, una volta lessi: Quando nasciamo, la prima cosa che ci dovrebbero insegnare e dire è che noi nasciamo per morire.

Dovremmo imparare a vivere con la consapevolezza, che un giorno prenderemo il volo e che la nostra vita potrebbe essere lunga o breve.

L’importante è viverla pienamente e lasciare a chi rimane non un vuoto, ma mille emozioni da ricordare.

Roberto, vive nei cuori di ogni persona che lo ha incontrato ed amato.

L’11 Aprile alle ore 19.00 al campo Falk, non puoi mancare.

Roberto scenderà in campo e giocherà la sua partita insieme a te, nel ricordo.

Dentro il tuo cuore.

Raffaella Lamastra

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK