Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Venerdi c'è lo sciopero generale: treni e attività a rischio

+++Sciopero+++

Redazione
Condividi su:

E' previsto per venerdi 22 aprile uno sciopero generale in arrivo. Si assisterà ad un probabile aumento considerevole di auto in circolazione, tra pendolari e residenti che decidono di spostarsi a prescindere con il proprio mezzo privato. Perciò sembra difficile pensare che venerdì 22 aprile le cose vadano diversamente, anche se i sindacati coinvolti non sono i più "forti" in quanto a iscritti.

Quel giorno saranno a rischio non solo i trasporti ferroviari, Trenord e Trenitalia, (Non i mezzi Atm: metro, autobus e tram) ma tutti servizi, visto che la protesta riguarda i settori pubblici e privati. I sindacati hanno deciso di scioperare per 24 ore venerdì 22 aprile. La manifestazione è confermata dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile sul portale incaricato di seguire gli scioperi.

"Lo sciopero nazionale di tali settori - scrivono - è indetto sulle seguenti motivazioni: per l’aumento di salari e pensioni a tutela di lavoratori e pensionati dalla speculazione e dall'inflazione divenute ancora più aggressive con l’avvio del conflitto in Ucraina. Per l’introduzione del salario minimo di 10 euro, contro il lavoro povero e contro gli appalti che permettono ai padroni di imporre condizioni di moderno schiavismo. Per il ritorno a una politica economica fatta di investimenti pubblici e nazionalizzazione dei servizi strategici a difesa dell’occupazione e del tessuto industriale, contro gli "aiuti di stato" a vantaggio di imprese e speculatori, come nel caso di Acciaierie Italia, Ita e in base a quanto previsto nel Pnrr. Per l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro, più controlli, forti penalizzazioni per i padroni che non osservano le norme e più tutele per gli Rsu/Rls che denunciano illeciti e situazioni di pericolo e nocività". 

Condividi su:

Seguici su Facebook