Assessore Lamiranda, la mobilità non è un gioco per ragazzini ideologizzati

comunicato stampa

| di redazione
| Categoria: Comunicati Stampa città di Sesto
STAMPA

Dalla Lista Civica Giovani Sestesi riceviamo e pubblichiamo:

Soltanto qualche giorno fa, l'Assessore all'Urbanistica di Sesto San Giovanni, Antonio Lamiranda, si pavoneggiava in tv cercando di dimostrare che le piste ciclabili di Milano sono inutili e pericolose dando una pessima prova generale di campagna elettorale.

Peccato che, alle sue spalle, le immagini dimostravano il contrario con piste ciclabili affollate di ciclisti e di persone alla guida di monopattini.
Basterebbe questo episodio per evidenziare la sua palese inadeguatezza rispetto al ruolo che ricopre.

Tuttavia è riuscito a fare di peggio perché, qualche giorno più tardi, il nostro assessore anti piste ciclabili si è finalmente reso conto della realtà, ovvero che la mobilità “dolce” sta prendendo piede anche a Sesto. Ciclisti e utenti di monopattini stanno pacificamente “invadendo” la città. E allora cosa ha fatto?  Si è improvvisamente eretto a paladino di un bando per istituire il primo servizio di monopattini in sharing.

Al posto di farsi fotografare a bordo di un monopattino, Lamiranda avrebbe fatto meglio ad affrettarsi a dotare la città di nuove piste ciclabili... tante piste ciclabili, per garantire sicurezza e serenità ai tanti sestesi che ogni giorno usano davvero le biciclette e i monopattini.

Un vero disastro politico il suo, dettato dall'incapacità gestionale.

Sesto ha bisogno di chilometri di piste ciclabili, di zone con limitazione della velocità a 30km l'ora per favorire la mobilità dolce e tantissime rastrelliere per parcheggiare al sicuro le biciclette che oggi sono legate ai pali e agli alberi. Forse è meglio che Lamiranda salga sul suo monopattino e si dimetta... di corsa.



Paolo Vino
Segretario Politico
Lista Civica Giovani Sestesi

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK